CACCIATORI DI MONTAGNA E DI BECCACCE

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Month: maggio 2012

REGOLAMENTO 2° CONCORSO SETTERFOTO.COM “LA PENNA VENATORIA”

Art. 1 : Partecipazione al Concorso

Il concorso è gratuito ed aperto a tutti, è subordinato alla presentazione di un racconto (anche inventato) con allegate minimo due foto scattate dall’autore che ritraggono soggetti o luoghi inerenti il racconto. La presentazione delle opere dovrà avvenire dal giorno 15-05-2012 fino ad entro e non oltre le ore 24:00 del giorno 30-06-2012.

Art. 2 : Tema del Concorso

Saranno ammessi al Concorso solo racconti inerenti la caccia a qualsiasi tipo di selvatico esercitata con il cane da ferma (di qualsiasi razza), le immagini allegate non dovranno contenere carnieri che superano il limite legale imposto dalla Regione di residenza dell’Autore (pena l’esclusione del racconto dalla votazione finale). Tutte le opere presentate dovranno riportare il nome dell’autore e una didascalia sotto ogni foto allegata.

Read More

Beccacce che Passione maggio/giugno 2012

È giunta finalmente la primavera. Ma dopo il grande freddo dei mesi invernali, con le copiose nevicate al seguito, cos’è accaduto all’amata regina? La parola a Silvio Spanò, intervistato da David Stocchi. Dai campi innevati Giacomo Cretti ci porta sugli scaffali della libreria, indicando i testi più significativi dedicati alla beccaccia da fine Ottocento e sino ai giorni nostri; una bibliografia “ragionata” dedicata a “lei”.

Read More

COMUNICATO WILDERNESS CACCIATORI E NATURALISTI di Franco Zunino

CACCIATORI E NATURALISTI

 Un binomio possibile… ma non nel nostro Paese

Ancora una notizia che ci viene dall’America, dove la collaborazione tra il mondo della caccia ed il mondo dei naturalisti non è così conflittuale come nel nostro Paese e dove, anzi, dalla stretta collaborazione tra le due realtà ambientaliste (perché classificare i cacciatori tra i non ambientalisti è semplicemente un non senso, visto che sempre di fauna e di ambiente essi si interessano: ed i cacciatori non hanno certo interesse a che l’ambiente venga devastato e la fauna falcidiata) si ottengono successi che qui sarebbe lungo ricordare (si pensi solo ai milioni di ettari di paludi preservate o ricreate grazie ai soldi dei cacciatori e/o delle loro tasse; od ai boschi acquistati per la costituzione di aree protette a difesa di specie rare).

Read More

“CROAZIA NELL’ U.E. : SPERANZA BECCACCIAIA?” di Franco Subinaghi

12036874_163347514005828_8963921747749902490_n

Sono stato molte volte in Croazia a caccia, e qualche volta ad addestrare i miei cani su starne in coppia a  Marzo. A caccia sono sempre andato a beccacce, quando da noi il passo era agli sgoccioli, cioè in Dicembre: mi sono quasi sempre confrontato con uccelli già presenti da tempo, quindi piuttosto difficili : poche prede, grosse soddisfazioni. In Marzo mi sono divertito anche di più.

 

Quello che ho visto in Croazia, per contro, non sempre mi è piaciuto.

Ho visto schieramenti di croati sparare all’aspetto serale, sembrava una sagra. Ho visto italiani far loro compagnia, allegramente all’insegna del : “tanto non siamo in Italia, chi ci vede ?”. Questi medesimi italiani, li ho visti prestare fucili e cartucce agli accompagnatori croati, affinchè li aiutassero ad impinguare il carniere.  Quando andavo ad allenare/addestrare in Marzo, ho visto nostri connazionali cacciare beccacce di ripasso in Marzo, amici miei, ma ci pensate ?  Finchè, all’inizio degli anni Duemila mi sono rotto i cabbassisi – come direbbe Montalbano -, e in Croazia non ci sono più tornato, e non per i croati….loro sono (male) abituati in questo modo da sempre, bensì per coloro che fanno tanto i santarelli a casa loro, per poi mettersi a far vaccate appena si trovano nell’orto del vicino (peraltro assai compiacente, in quanto lautamente retribuito).

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi