CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Mese: Novembre 2015 Page 2 of 3

La caccia alla beccaccia secondo… Giancarlo Bravaccini

dsc_4244Su questo tipo di caccia si è scritto e parlato talmente tanto che si corre il rischio di essere banali o ripetitivi. Vorrei sottolineare alcuni aspetti che la rendono così appassionante, e perché in questi ultimi anni è diventata, tra le cacce con il cane da ferma, una delle più praticate.

Una spiegazione semplicistica, anche se in parte vera, è quella dovuta alla progressiva scomparsa della selvaggina stanziale (soprattutto la starna) e quindi i cacciatori con il cane da ferma giocoforza hanno dovuto cambiare obbiettivo.

Read More

Tutto subito……………. (distrazioni mentali di un’animale preistorico) Fabrizio De Luca All.to del Pizzo Lungo

1098145_500553446688746_760964280_nE’ da poco tempo iniziato il terzo millennio…..ed io mi sento un’animale preistorico…..già, probabilmente lo sono veramente, legato al rispetto verso le persone, le cose, gli animali, le proprietà, cresciuto con il senso di umiltà, la voglia e la fame di scoperta, di sapere e mio Padre che mi ha geneticamente trasmesso, “il sacro fuoco”, la passione per i cani e la caccia.

Read More

Il compagno di caccia di Mirco Peli

IMG_2613 (2)

Jack in bella postura-2013-

Premesso che ho cacciato la beccaccia da solo le maggior parte della mia attività venatoria, ma ho avuto compagni di caccia. Il nostro modo di essere compagni è sempre stato un po’ particolare, nel senso che si faceva il viaggio in macchina assieme, ma poi si cacciava  a scavalco.

Read More

Per l’udito del nostro setter meglio un biper ben regolato o un grosso campano?

IMG_1757Vorrei sfatare il mito del campano, tirandomi addosso le ire di centinaia di amanti di questo strumento. Premetto per dovere di cronaca che nel passato ho usato il campano per almeno 30 anni e solo da una decina uso il beeper, ho odiato per anni il rumore innaturale del campano elettronico e di chi lo faceva trillare inutilmente in ogni dove. Conosco bene il suono dei vari campani, ne ho una nutrita collezione e nel passato prima dell’evento di facebook e della diffusione dei campani Sardi ho girato molti mercatini e fiere alla ricerca del campano giusto.

Read More

Piero Pieroni Scritto da Romano Pesenti tratto da www cacciando.com

pieroni I 004Tra gli scrittori di letteratura venatoria, con Annibale Bocchiola, Adelio Ponce de Leon e Mario Rigoni Stern, Pieroni si può considerare uno degli ultimi grandi scrittori di questi nostri anni 2000. Nasce a Firenze nel 1929 e, terminati gli studi classici, si laurea in questa città a pieni voti in Antropologia Culturale. Seguirà, già da giovinetto, il padre a caccia di starne e beccacce nella valle del Niccone nel Cortonese e sugli altipiani del Casentino e, dotato di una carabina ad aria compressa…farà stragi di ranocchi e lucertole.

In famiglia, oltre alla caccia, il papà e gli zii sono appassionatissimi di cultura americana del Far West e così, “imprintato” dal loro interesse all’argomento, il giovane Piero si appassiona morbosamente, come lui stesso dice, alla lettura di fumetti di cow boy e di indiani, leggendo anche i molti libri avventurosi del West americano di Cooper, Stevenson e Jack london in lingua inglese, materia che già studia con profitto a scuola.

Read More

Osvaldo Personeni Scritto da Romano Pesenti tratto da www cacciando.com

20121217_171512
Prima di conoscere l’Artista Scultore, permettetemi una premessa storica- geografica.

La Val Imagna, è una valle prealpina delle montagne bergamasche delle Alpi Orobiche, che confluisce da destra nella Val Brembana. E’ la prima di una lunga serie di un Comprensorio di valli che si intersecano con la valle maggiore, che prende il nome dal fiume Brembo che lì scorre.

I suoi paesaggi, ricchi di verdi prati, di boschi di latifoglie e di fonti di acque termali, racchiudono nella valle diverse testimonianze romane e medioevali di un notevole patrimonio storico .

Read More

Racconti di caccia Satira di Sergio Grande Tratto da Il Dialogo – Periodico di Monteforte Irpino

12166226_907095829372224_1711086591_nQuesta storia mi è stata raccontata da un amico che aveva, ahimè, la passione per la caccia. Lui, che ora è nel mondo dei giusti, diceva che non amava fare strage di uccelletti innocenti. Sparava, diceva, ma giusto per sentire il rumore del fucile e vedere gli uccelli volare via spauriti. Non so se sia vera oppure no. Lui la raccontava per vera e faceva anche i nomi e cognomi di amici suoi cacciatori che io non conoscevo e che secondo lui erano stati i protagonisti di quella che oramai assumeva i connotati di un fatto mitico. Un fatto che si può raccontare attorno ad un fuoco di bivacco, su in alta montagna, bevendo magari un bicchiere di vino prima di mettersi a dormire sotto ad una tenda. Ma ecco la storia.

Un gruppo di amici cacciatori, sei diceva il mio amico, era solito andare sempre nello stesso posto. Di prima mattina fermavano l’auto ai margini di un paese di montagna in provincia di Avellino e poi a piedi si inerpicavano sulla montagna verso una ben determinata radura che loro conoscevano bene. Ci volevano molte ore di camminata che i nostri amici passavano cacciando, o almeno, sparando un colpo ogni tanto. In quella radura c’era una vecchia casa di campagna abitata da un anziana donna che era solito dare ospitalità ai cacciatori che andavano da quelle parti proprio sapendo che lei era li ad aspettarli.

Read More

Era l’anno 1960/61 ed ero a Lecce di Romano Pesenti

il gazzettino del beccaccino 001 (2)poi a Caserta come AUC carrista e partito in treno da Milano per Lecce alla Scuola All. Ufficiali ho messo nella valigia il mio cal.16 smontato e al Campo coi carri a Persano..cacciavo i beccaccini nascondendomi tra le canne quando arrivavano i carabinieri a cavallo. Era zona militare proibita alla caccia, come in tutte le z.militari..ma cacciavo alla sera e al sabato finite le esercitazioni coi carri armati(M 47). I Beccaccini e le anitre del fiume Sele e Calore, spiumate e pulite li mangiava il Colonnello comandante che però mi diceva..in romanesco.. Romà coi caramba sò cazzi tua..non vojo grane..arrangiati.

Read More

IL BECCACCINO CANARINO non per il canto, ma per il colore di Romano Pesenti

11054444_10204189687605897_4232421247763585289_nStiamo parlando degli anni che vanno dal cinquanta al sessanta del secolo appena concluso, e quello che ripercorre la mia memoria, è un fatto della mia gioventù beccaccinista. Figlio di agricoltore risicolo della bassa padana milanese, la caccia di quel tempo e in quei luoghi era soprattutto rivolta a poche specie di selvaggina ed assolutamente migratoria: beccaccini e pavoncelle nelle marcite, gallinelle nei risi e palmipedi nelle “tese” autunnali dopo il raccolto. Ovviamente quaglie, pure loro di passo nelle stoppie agostane. I fagiani lì non erano ancora arrivati; solo qualche lepre nei granturcheti. Allora, giovane studente alle mie prime armi di sedicenne cinofilo cacciatore, il beccaccino – complici cacciatori amici di mio padre e miei maestri di caccia che di frequente calpestavano le nostre risaie – era diventato per me una vera passione ed ossessione, sia per la difficoltà dell’intrigante tiro, sia per la bravura nel fermarli di un bracco pointer: il Dick, regalatomi dal Bossi “pelatè”, cacciatore e commerciante di pelli bovine.

Read More

Vecchi Scarponi di Romano Pesenti

Senza-titolo-10
Vecchi scarponi, ormai prezioso cimelio,
che la passion di caccia cullaste al risveglio,
l’ora è giunta, ahimè, del nostro commiato;
scarpe rotte, così vuole il tempo, il fato.

Su, su l’erte crode, lassù, mi guidaste sicure,
con me risaliste le rocce a filo di scure.

Io con voi ho scalato e disceso le valli,
e proteggeste i miei piedi dai mali, dai calli.

Vecchi Scarponi, miei cari amici fedeli,
che mi portaste lassù ai confini dei cieli,
ove celesti e incontaminate visioni,
nel cuore mi accesero le più belle emozioni.

Read More

Page 2 of 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi