CACCIATORI DI MONTAGNA E DI BECCACCE

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Mese: settembre 2016 (Page 1 of 4)

Biodiversità Tricolore di Francesco Petretti dal sito del corpo forestale dello Stato

logonaturaungulati-54

Ci aspetta un futuro di globalizzazione faunistica, un mondo popolato da poche specie animali con grandi numeri che mette a rischio la meravigliosa varietà di vita osservata fino ad oggi

Il 2020 rappresenta un traguardo ambizioso per tutti i governi del mondo, che , nel corso della conferenza mondiale sull’ambiente, si sono solennemente impegnati ad arrestare il declino della biodiversità e a fare in modo che questo nostro pianeta non diventi sempre più povero di piante e di animali, organismi, ben inteso, dei quali l’uomo non ha ancora imparato a fare a meno. Ma tutto ciò rischia di non avverarsi, anzi la situazione è drammaticamente precipitata e si calcola che il ritmo con cui le specie si stanno estinguendo è oggi da cento a mille volte più rapido di quanto dovrebbe essere in condizioni naturali.

Read More

I Tordi in Italia

ucce-188

È grandissimo il piacere di poter finalmente presentare questo importante volume sui grandi Turdidi. Un lavoro estremamente significativo e prezioso per diverse ragioni. Finora infatti, non era mai stata realizzata una ricerca di questo genere, dove si affronta il tema della gestione dell’avifauna e del prelievo venatorio su specie di fortissimo interesse cinegetico, secondo principi scientifici e tecnici ben precisi.

Read More

Interviste  Yves Ferrand, il ricercatore che studia le beccacce… anche per –noi tratto da BECCACCE CHE PASSIONE–

1510857_10202205058320189_282694619_n

L’opinione di uno dei  più importanti studiosi europei      – Yves Ferrand-

Punto di riferimento per lo studio della beccaccia a livello mondiale, Yves Ferrand è responsabile presso l’Ufficio Nazionale della Caccia e della Fauna Selvatica francese degli studi sulla beccaccia e sui beccaccini; è coordinatore del Woodcock & Snipe Specialist Group dell’UICN/Wetlands International, massimo comitato di esperti per le otto specie di beccacce e le 16 specie di beccaccini nel mondo. E’ anche consulente tecnico della FANBPO.

Read More

COGLIONI di Cesare Bonasegale

COGLIONI NEL SENSO DI TESTICOLI di Cesare Bonasegale

Prendendo spunto dalla celebre poesia del Carducci, si disserta sulla castrazione di vari animali. Inspiegabilmente per la castrazione del cane la nuova legge esclude il maltrattamento.

Read More

“I Binari nel bosco” tratto da Uomini da ferma di Giuliano Rizzi

scan-140870000

Per chi non può, o non vuole, cambiare il più possibile i terreni dove caccia, non tutto viene poi ad essere effettivamente semplice. Una perversione è sempre in agguato: quella per cui, in questa situazione, le qualità del cane utilizzato devono essere inversamente proporzionali alla sua conoscenza territoriale

Infatti più il cane conosce i luoghi di caccia, meno serve che quel cane disponga di intelligenza e di forza. In caso contrario queste doti finiranno per rivelarsi dannose, il cane comincerà ad anticipare, salirà su uno dei molti binari presenti nel bosco per arrivare prima possibile nel punto che ricorda, ed allora addio al collegamento, addio al lavorare per te.

Read More

Setter Gordon Club- Società Italiana Setters

Per leggere gli articoli cliccare sul link Senza-titolo1

Iniziative CLUB

Risultati Suzzara 2016 (classifiche e qualifiche)-

 

 

La relazione Silvano Toso X ISPRA

Diritto di caccia: il modello anglosassone

12615261_802703919841829_4935825698432157724_oLa proprietà della selvaggina ed il diritto di caccia sono strettamente legati alla proprietà del fondo, senza limiti di superficie. Tutto il territorio agrosilvopastorale è di proprietà privata (tranne la zona intertidale  lungo la linea di costa). Chiunque per esercitare la caccia deve ottenere il permesso, a titolo gratuito od oneroso, del proprietario del fondo.

Regolamentazione accentrata; solo lievi differenze tra Inghilterra, Scozia, Galles ed Irlanda.
 
La proprietà della selvaggina ed il diritto di caccia sono strettamente legati alla proprietà del fondo.  I proprietari di fondi inferiori a  75 – 150 ha trasferiscono questo diritto ad un consorzio di proprietari.

Diritto di caccia: il modello tedesco
Chiunque per esercitare la caccia deve ottenere il permesso, a titolo gratuito od oneroso, del proprietario del fondo o del consorzio dei proprietari.
La grande maggioranza del territorio agro-silvo-pastorale è di proprietà privata.
Regolamentazione fortemente decentrata affidata ai diversi Lande

Per continuare a leggere l’articolo cliccare sul link relazione_toso_12-9-1

LA CACCIA PER NOI “VECCHI” di Cesare Bonasegale

10489725_335148049992735_2501961275708110643_nLe emozioni della caccia per chi è nato nella prima metà del secolo scorso riempiono i ricordi di chi è ormai avanti con gli anni, ma mancheranno quando i giovani d’oggi saranno a loro volta diventati vecchi.

Nel mese di ottobre mi hanno ricoverato in ospedale per problemi che hanno a che vedere con quel che è scritto sulla mia carta d’identità: gli anni passano ed i guai aumentano!.

Read More

Relazione sullo stato di attuazione della legge 11 febbraio 1992, n. 157 attività venatoria

image

 IL TERRITORIO RURALE ITALIANO
Il territorio rurale italiano si caratterizza per la sua enorme diversità non solo dal punto di vista geomorfologico, ma anche per le caratteristiche economico-produttive e sociali, per la qualità delle produzioni agroalimentari, nonché per la diversità e la ricchezza del patrimonio naturale, culturale e paesaggistico.

Read More

LE FALSE GENEALOGIE di Cesare Bonasegale

pedigree_fronte

I motivi che inducono alcuni cinofili ad attribuire falsi pedigree ai loro cani. La proposta di attuare verifiche mediante l’esame del DNA potrebbe essere una cura peggiore del male.

È una “porcata” sempre esistita e di cui ancora oggi si ha occasionalmente sentore.

Accade cioè che ad un cane vengono attribuiti genitori diversi da quelli reali.

Read More

Page 1 of 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi