CACCIATORI DI MONTAGNA DI BECCACCE E DI BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Mese: Marzo 2019

Quando le beccacce- di Felice Delfino

Le belle annate famose per l’abbondanza di beccacce che segnavano per noi vecchi altrettante stagioni di felicità, vanno facendosi sempre più rare. Un ricordo nostalgico sento ancora per il tardo autunno 1907. Purtroppo oggi è andato persino il bellissimo, suggestivo campo d’azione in omaggio alla cosiddetta civiltà…

Parto da Genova con un amico, vecchio espertissimo cacciatore, per le paludi Pontine dove alle volte avevamo cacciato, insieme a beccacce e beccaccini, fra Terracina e Anzio.

Read More

La traccia della carne

Una cupa foresta di abeti si stendeva sulle due rive del fiume ghiacciato. Recentemente il vento aveva strappato agli alberi il loro bianco mantello di brina; e gli alberi, neri e sinistri, sembrava si appoggiassero l’uno all’altro, nella luce morente. Un silenzio di tomba regnava sul paesaggio: e il paesaggio stesso era desolato, senza vita, senza movimento, così squallido e gelido da sembrare permeato di un qualcosa di più triste della stessa tristezza…

Read More

PERCHE’ LA BECCACCIA di Silvio Spanò

Spendiamo qualche parola per chiarire perché la “regina del bosco”, l’”arcera”, la “mordorée”, la “dame aux feuilles mortes”, la “signora dagli occhi di velluto”, abbia il potere di smuovere tante persone nella ricerca “di un uccello che potrebbe anche esserci, ma che nella maggior parte dei casi non c’è” come magistralmente scrisse l’indimenticabile Gin Bardelli.

Read More

EMOZIONI DIPINTE-Il Fagiano-

 

-Ho bisogno di un fagiano per questa sera, ho gente di riguardo! – e sorrise come sapeva sorridere maliziosamente lei, rintuzzandomi tutti i “ma” ed i “se” che mi venivano a fior di labbro.

Un fagiano? E dove potevo trovarlo? Era il primo anno che cacciavo con la patente, ma ancora non ero andato più in là del merlo e del tordo e di una leprottina che avevo spadellato proprio sulla strada maestra.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi