“Amore d’inverno” di Alfredo Tognocchi

Seduto sul prato infogliato

ammirando un sole che ancora è lussù

a baciare le creste di neve

a baciare i calanchi scosciesi.

 

Rimanendo così fra un poggio annoiato

da un armonia dicembrina che quasi m’inebria

e una selva di noccioli che strapiomba nel vento,

guardo la vita, la mia vita.

 

Si stacca un ombra da terra, immobile resto;

coll’anima in gola e’l petto in fiamme.

imbraccio, non premo

ma ammiro.

 

Ammiro la creatura amica dè miei boschi,

ammiro ‘l mio compagno rattoppato

d’arancio, folgorato da quell’usta

al chioppo d’un nocciolo.

 

La troverò ancora, più sotto,

nel ruscello infreddolito,

sulla ferma del mio amico,

oppure no; chi lo sà.

 

Intanto vivo nel ritrovarla,

nel rivivere un emozione degna di vita,

nel rivivere con un amico la ruralità che ancora sento,

nel rivederlo ancora con quella regina nel naso

e nel cuore.

One Response

  1. Niccolò

    Montale scriveva:

    “Il cuore che ogni moto tiene a vile
    raro è squassato da trasalimenti.
    Così suona talvolta nel silenzio
    della campagna un colpo di fucile.”

    e Alfredo ha trovato le tracce di un suo stesso sentiero! Bravo complimenti Alfredo!

    Niccolò Benedetti

    marzo 19, 2013 at 11:32 pm

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>