CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

“Alla riscoperta della perduta serenità” di Guglielmo Anastasi

Fù più di trent’anni addietro che accompagnandomi con colui che mi insegno, la caccia alla beccaccia con i setter, quella che da allora definisco la “grande cerca alla beccaccia” che ho cercato soggetti  collegati che spaziassero notando sempre che con l’aumentare della loro passione prendevano sempre più terreno soprattutto quando la presenza di regine era scarsa .

Tex di Gianfranco Calì su beccaccia

Tex di Gianfranco Calì su beccaccia

Negli ultimi anni a causa dell’abbassamento dell’udito son dovuto ricorrere al beeper e anche con questo infernale strumento  spesso mi sono trovato in apprensione perche non riuscivo a percepire  cosa il cane stesse facendo e dove si trovava.

Come tutti noi, amo i miei cani e la paura di poterli perdere mi fa entrare in uno stato d’ansia indescrivibile annullando addirittura le grande emozioni di un abbattimento impossibile.

Sto rivedendo e cambiando tutto!!!! Si proprio così , a Rania  l’ultima mia cucciolona  , ho cambiato imprinting e relativo metodo di dressaggio, difficilmente l’ho spronata e la sprono  con il classico via,via, sostituendolo anzi al richiamo quando tenta di allargarsi un po’ troppo e sicuramente le concedo la metà delle  distanze consentite  ai precedenti setter.

Ebbene quest’anno all’eta di 18 mesi l’ho condotta nel bosco, e debbo dirvi che i primi giorni ero un pò sconfortato, non essendo abituato a un setter che arrivava a 50, 100 metri e la paura di non vedermi la faceva rigirare su se stesso spinta dall’ansia di controllare la mia presenza; continuai imperterrito a farla incontrare ed andare solo con lei e nelle ultime quattro o cinque cacciate ho riscoperto tanti valori a cui non ero più tanto abituato. Si me ne godo le reazioni, dalla fine all’inizio di quanto lei svolge alla pur minima percezione della presenza di una becca, ma soprattutto trascorro tre o quattro ore  in grande serenità, e senza alcun stato di apprensione dato dalla paura di perderla o di saperla ferma in un posto sconosciuto e per me introvabile!!!!

Certo sicuramente accompagnandomi insieme a lei, a cani da una cerca molto più spaziosa viene penalizzata perche essi arrivano sicuramente prima dove dimora la beccaccia, ma ormai sono certo!!!! Che se solo con lei le avrei trovate ugualmente assistendo a prese di punto, filate e guidate!!! E debbo pur dire che con essa riesco ad effettuare una cerca molto più meticolosa riuscendo a trovare qualche becca che cani con cerca molto più ampia possono trascurare.

Catena della Trabaltana su beccaccia

Catena della Trabaltana su beccaccia

Sicuramente questa mia scelta scaturisce dagli anni che imperterriti incalzano e da problemi deambulatori, ma chi si contenta gode e io godo doppiamente dalla serenità che mi da  la sensazione di mai perderla o di chiedermi ma dovè, infatti il tempo solo di pensarlo e lei compare da dietro un fitto cespuglio di disi o altro.

Previous

“CACCIATORI PROVE SELEZIONE……. E UNA PROPOSTA” di Giancarlo Bravaccini

Next

Fotografie del Trofeo Gramignani a Grosseto (prova di sabato 16 febbraio)

1 Comment

  1. Dino

    Quante volte ho pensato…ma dove diavolo sono finiti…momenti, minuti di apprensione infiniti…poi quasi di panico!!! E’ proprio vero, concordo in tutto Guglielmo, con l’ avanzare dell’ età poi, e se non incontrano, sembrano impazzire…e allungano sempre piu’…
    Cordiali saluti
    Dino De Fabrizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi