CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Autore: Dingo Page 1 of 102

IL CANE CHE VIDI PIANGERE

Tratto da: “Aspettando l’alba” di Mario Rigoni Stern (Asiago 1921-2008) Giulio Einaudi editore

Il cane che vidi piangere di commozione e d’affetto una dozzina d’anni fa, quando stava per lasciare questo mondo, è sepolto nel bosco dietro casa: sopra vi cresce un albero di sambuco, e ora che le bacche sono mature i tordi e le pispole svolazzano tra i rami per beccare nei rossi grappoli.

Read More

BECCACCIA: EVOLUZIONE DEI PRELIEVI FRANCIA ED EUROPA STATUS DI CONSERVAZIONE DEL CAPITALE EUROPEO – LA REALTA’

Presentazione
Sono felice e onorato di aver seguito e quindi ottenuto il permesso di tradurre in italiano questo notevole lavoro di ricerca, raccolta e comparazione di numerosi dati, importanti per l’interpretazione e la corretta gestione della Beccaccia in Francia, Paese che più ha studiato il problema, interpretandolo da due lati opposti: ottimista e pessimista.

Read More

 RIFLESSIONI DI UN CACCIATORE DI BECCACCE SETTANTENNE

Sabato 19 ottobre 2019. Piove a dirotto da due giorni. Personalmente non caccio più; diciamo che sono tre anni che non esco con il fucile. Esco il martedi e il venerdi con il solo cane, mi diverte ancora vederlo lavorare e quando frulla, la beccaccia mi rende ancora felice, senza contare che la tranquillità dei giorni di silenzio venatorio migliorano di molto la “qualità” dell’ambiente!

*Nota: in questo contesto spero mi si possano perdonare le passeggiate col cane (ai limiti dell’illegalità).

Read More

La valenza dei Campionati ai fini della selezione

L’argomento non è facile perché entrano in gioco tanti fattori.

I fattori che in questo contesto ci interessano sono:

  • Le cucciolate “studiate a tavolino” sulla base dei pedigree di femmina e maschio
  • L’importanza dei titoli e del riconoscimento ufficiale del valore di un cane
  • Il personale progetto allevatoriale di ciascun allevatore

Read More

Lo specialista a beccacce (parte 3): quello che ha il senso del selvatico

Si conclude con questo breve testo l’approfondimento sulle particolari caratteristiche che devono per forza di cosa essere in possesso di un cane da ferma specialista a beccacce. Nelle prime due puntate si sono prese in esame le doti venatorie che consentono al campione di ritrovare le beccacce involatesi, individuandone la rimessa e, secondo punto fondamentale, riuscirci entro pochi minuti se non addirittura secondi. E’ ovvio, infatti, che non è sufficiente fermare una beccaccia per essere proclamabili “beccacciai” come anche, naturalmente, non è sufficiente ribatterne una per assurgere in automatico al ruolo di “specialisti”.

Read More

Lo specialista a beccacce (parte 2): quello che le ribatte in un attimo

Prosegue l’approfondimento relativo alle doti speciali che un cane da ferma deve possedere per essere definito, a pieno titolo, “beccacciaio”. Nella prima parte abbiamo visto come non basti fermare una beccaccia per potersi fregiare dei gradi di specialista ma occorra, al contrario, dimostrare spessore, risorse cerebrali e potenza olfattiva sulla beccaccia di rimessa, quella cioè che dopo essere stata disturbata una prima volta si è appena posata chiudendo le sue ali e, per un bel pezzo, si guarda bene dal muoversi per andare chissà dove.

Read More

EMOZIONI DIPINTE – Il Tacchino selvatico

Su un articolo di “Roma Venatoria” a firma di Corey Ford, cacciatore americano, si parla della caccia al tacchino selvatico degli U.S.A., magnificandone la difficoltà per la furberia  di questo selvatico: “Il tacchino ha l’udito acuto della pecora, l’olfatto dell’orso, la vista dell’aquila, la velocità dell’antilope e l’astuzia della pantera…”. Poi viene raccontato un episodio di caccia al tacchino descritto come difficilissimo, faticosissimo, estenuante, perché fatto all’aspetto all’alba…

Sarà, ma…

Read More

Lo specialista a beccacce (parte 1): quello che le ritrova

Quanti “mostri da quagliodromo” avete visto in vita vostra? Quanti ausiliari preparati meccanicamente per le classiche o per le attitudinali, spacciati dai loro proprietari o conduttori come “grandi cani da caccia”, magari proprio “grandi cani da beccacce”? Certamente anche fra i cani da prove, specialmente quelle su selvaggina naturale – ma che sia davvero naturale, però! – esistono ottimi soggetti per la pratica venatoria, mescolati a robot artefatti dalla mano e dal collare elettrico: tuttavia, un conto è reperire la coppia di starne a 500 metri dal conduttore in mezzo a un tavolo da biliardo multicolore quali sono, appunto, i terreni della Polonia o della Serbia; ben altra cosa è inventarsi e “inchiodare” una Regina imbirbita di gennaio, avvezza al disturbo del cane e dell’uomo, padrona del suo territorio e per questo leggerissima.

Read More

RIPRODUZIONE 2019 DELLA BECCACCIA

Philippe Vignac e Franck Ricaud hanno da pochi giorni pubblicato sul loro ottimo sito web www.lachassedelabecassedesbois.com un attento studio delle situazioni climatiche nei principali Paesi di nidificazione della Beccaccia svernante in Europa occidentale valutandone i riflessi sul successo riproduttivo.

Matteo e Jack che pensano al futuro della beccaccia

A riguardo mi hanno gentilmente permesso di tradurlo in italiano e di metterlo su questo sito, chiedendomi anche di inviarlo ai nostri Amici Russi, cosa che faccio molto volentieri.

Si tratta di un lavoro originale, scrupoloso, sintetico e panoramico insieme che, nei pronostici, ci porta finalmente una voce ottimistica.

Grazie agli Autori (Silvio Spanò)

 

 

Read More

Cane che ferma le beccacce e cane beccacciaio: mondi diversi

E’ l’eterno dilemma che divide migliaia di cacciatori: qual è il vero cane beccacciaio? Quante volte, al quagliodromo o in armeria, si sente dire: “Ho un cane fortissimo che ferma le beccacce”, magari da persone che si reputano esperte della materia? Ebbene, vi svelo un segreto di Pulcinella: il semplice fermare le beccacce, per quanto pratica gradita al fucile, non fa certo del vostro ausiliare un beccacciaio. Anzi. La ferma è solo l’inizio.

Read More

Page 1 of 102

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi