CACCIATORI DI MONTAGNA E DI BECCACCE

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Category: Pointer Club

70 anni Pointer Club d’Italia

21912991_10207960141119881_1546208036_n

Paul Caillard “Les chiens d’arréet – Races anglaises – Dressage – Ygiènes du chenil” edizione del 1890.

Grecia 2010 Vassilis Zordoumis a servire i Pointer, senza fretta..

Se i setter hanno un’origine pressappoco certa, se è possibile risalire nel passato fino alla formazione della loro razza, vi è grande difficoltà per arrivare al medesimo risultato per quel che concerne la classificazione delle razze di pointers.

Per noi, dopo accurate ricerche personali, dopo aver ascoltato i più eruditi allevatori d’Inghilterra discutere su questa materia, non restano, in sunto, nel nostro intimo, che probabilità ed incertezza. Ciascuno s’è lasciato andare a proprio gusto. I colori, la taglia sono diversi. Pointers bianchi e arancio, bianchi e marrone, bianchi e neri, neri e fuoco, tricolori, blu, tutte le sfumature sono state adottate dalla fantasia dell’allevatore ed essa non può oggi guidarci che nella individuazione di certe specie, più o meno migliorate, ma di cui è impossibile indicare la formazione prima.

Read More

Da: Rawdon B. Lee, Storia e descrizione dei cani moderni – Tomo razze da caccia, vol. II, IV edizione, Londra 1906. Traduzione di Romano Saladini Pilastri.

pointer-at-work-maud-earl

Nota redazionale introduttiva e annotazioni di testo a cura di Umberto Zaccarini.

Stupirà forse il lettore nel rilevare come il saggio sul pointer di Rawdon B. Lee ricompaia su queste pagine a due numeri di intervallo dalla pubblicazione che ne fu fatta nella traduzione di Luis Zavattero. E’ d’obbligo, quindi, un chiarimento. Il testo comparso sull’annuario 1974/75 si rifaceva alla 1′ edizione dell’opera cinografica del Lee e ne rappresentava la stesura iniziale; quello di ora è invece ripreso dalla quarta edizione, successiva di dodici anni.

Read More

Storia e filosofia di Corrado Boschi – allevamento Pointer dei Fulmini–

cEro un ragazzetto quando frequentavo il bar del paese e ricordo, come fosse ora, la frase di un vecchio che rivolgendosi ad un amico disse “se volete mandare una maledizione a qualcuno sperate che gli venga la passione della caccia e dei cani“.

Qualcuno deve avermi maledetto perché a 18 anni presi la licenza di caccia e cominciai a seguire mio padre, da sempre beccacciaio e setterista che, ancora non so il motivo, mi regalò una spinona alla quale tutti si aspettavano che mi affezionassi, ma l’amore non nacque e dopo un anno passai ad una setter inglese.

Read More

IL POINTER CHE VORREI di Corrado Boschi -Allevamento pointer dei Fulmini-

cora-6Le riflessioni di un allevatore di Pointer sui problemi che affliggono la razza e che determinano la disaffezione dei cacciatori.

Dopo una settimana di tribolazioni, costellata di file di auto bloccate nel traffico, di corse contro il tempo tiranno che non basta mai, finalmente arriva la domenica ed un cinofilo come me si sveglia all’alba per andare ad assaporare le gioie della propria passione cinofila: ed invece spesso sprofondiamo nelle più cocenti delusioni, che nel caso mio nascono dalla constatazione che la razza del mio cuore – cioè il Pointer – ahimé spesso non è il cane “completo”, con tutte le doti necessarie a fornire le soddisfazioni a cui il vero cacciatore aspira.

Read More

Il POINTER  CANE DA FUCILE (su gentile concessione del Pointer Club d’Italia)

cora-e-congo

Considerazioni dell’ Avv. Franco Zurlini
pubblicate sul manuale “Il Pointer”
di Fiorenzo Fiorone edito nel 1976
dalla De Vecchi Editore

  Si sono scritte mille cose mirabolanti su questa razza. “Il fermatore per eccellenza”, c’è stato chi lo ha definito, autorevolmente, richiamandosi all’etimologia: to point, fermare. E non credo che sia esatto. E’ un cane da ferma e basta, come tutti gli altri; e chi lo predilige, come me, non lo predilige perché “più da ferma” degli altri.

Tanto più che gli inglesi chiamano pointers (fermatori) tutti i bracchi.

C’è stato chi lo ha descritto come uno specialista per le grandi pianure prive di ostacoli, dove meglio può esplicare l’azione impetuosa di cui è capace.

Read More

“Il Pointer Sogno” di Felice Steffenino

 pointer-s

Per cominciare restituite all’espressione l’eccelso significato: il puro folle non è che la generosa forza primigenia, non domabile che dal Destino, in difesa dell’umanità, il Sigfrido di Wagner, e non ha niente a vedere con la camicia di forza e la psicopatia.

Sublime concezione, spirituale immagine artistica del Genio.

Cinofilmente – absit iniuria – il puro folle è quel Wing, quel Xocrate, quella Quercia, quella Diva che non hanno nel loro bagaglio né la carta topografica né l’orario colle fermate e le coincidenze, che non vedono nel coltivo di grano di barbabietole soltanto il campo dove manovrare secondo itinerari prestabiliti e cenni diminutivi del conduttore, ma lo spazio da dominare, da violentare per snidare quelle starne che rinnovano al loro olfatto il senso primordiale della caccia; non gabbiarolai certo.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi