CACCIATORI DI MONTAGNA DI BECCACCE E DI BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Categoria: Federico Gallo (Page 1 of 2)

Premessa alla proposta di modifica dell’attuale legge sulla caccia

Coturnici e pernici (40)

Le starne bisogna volerle

Prima di avventurarci in una disamina relativa all’organizzazione sul territorio, con la sua genesi,  le sue motivazioni e la sua attualità, bisogna ricordare a tutti un  paio di cose: 1) Sono anni che i cacciatori hanno paura del cambiamento e preferiscono restare immobili, ma probabilmente è venuto il momento che se non ci si muove si muore 2) La legge che disciplina l’ingresso ad uso venatorio dei terreni privati, in Italia è unica al mondo, e fu promulgata nel ventennio fascista.  Tale e quale pervenne ai posteri come si riscontra nell’art 842 del vigente C.C.. (*) .

Read More

LA FERMA IN BIANCO -Uno sgradevole difetto del cane da ferma- di Federico Gallo

IMG_5816Le ragioni sono diverse e vanno analizzate molto approfonditamente per capire se è una cosa provocata da vizio naturale o acquisito.

In linea generale ciò che provoca questo atteggiamento è un difetto psichico o un difetto olfattivo. Ci possono però essere anche concause derivanti da cattivo addestramento.

Read More

ADDESTRAMENTO DEL CANE DA FERMA – La fase pratica 3 di Federico Gallo

COVER 1^ paginaAbbiamo fatto una disamina di tutte le caratteristiche, la problematica e le fasi operative da curare per avere un puledro scattante, voglioso, motivato e reattivo. Seguendo la prassi descritta abbiamo ottenuto un addestramento di base, il cane sarà ancora grezzo e, volutamente, appena scozzonato. Avrà sicuramente dato prove di quelle che si chiamano “qualità di base”. Per tanto ora è il momento di cominciare a prenderlo in mano. Ciò vuol dire che dovremo agire in maniera da poterlo manovrare con sufficiente soddisfazione.

Read More

ADDESTRAMENTO DEL CANE DA FERMA – La fase pratica 2 di Federico Gallo

foto-4Come già detto altre volte con ogni soggetto bisogna attenersi a regole non-regole. Nel senso che ognuno di essi ha il suo carattere e quindi potrebbe richiedere un trattamento d’eccezione. Sta al singolo addestratore studiarne le caratteristiche e insistere o intensificare gli allenamenti,spesso invece dovrebbe rallentarli per farli interiorizzare meglio e farne trarre maggior profitto. In questo caso si parla di soggetto ancora immaturo. Le caratteristiche psichiche non sono purtroppo sempre uguali.

Read More

ADDESTRAMENTO DEL CANE DA FERMA: La fase pratica di Federico Gallo

Foto di Mario Amodeo1

Foto di Mario Amodeo

Avevamo fatto un ragionamento e una rivisitazione delle caratteristiche di lavoro e tipicità di un soggetto da ferma. Soprattutto, essendoci soffermati sulla fase di crescita del puledro, abbiamo raggiunto ora la fase conclusiva del  dialogo fra noi.

Foto di Mario Amodeo

Foto di Mario Amodeo

Ora dobbiamo cominciare a programmare una vera  svolta al comportamento del soggetto che abbiamo in mano. La fase esecutiva quindi, per quanto abbiamo già detto, non dovrà avvenire che dopo avere lasciato crescere omogeneamente il cucciolo e lo abbiamo portato a diventare cucciolone aiutandone uno sviluppo equilibrato di testa e di fisico.

Read More

NATALE COI FIOCCHI di Federico Gallo

14466193_1120629324685539_589181520_o

Mi aveva levato di sentimento. Lui che cacciava beccaccini con la sua kurzhaar Nanà, nelle piane di Neto, voleva venire a beccacce sui monti della mia Sila. Era troppo amico per dirgli di no ma sapevo anzi indovinavo che non aveva la stoffa del beccacciaio. Almeno, ancora non l’aveva. Beccacciai, per la maggior parte, ci si nasce. Non si può diventare beccacciai solo perchè si ha una doppietta che spara un cane che forse le trova e delle cartucce che forse le fermano. L’arte della caccia alla beccaccia è altra cosa. E’ sentimento nell‘estraniarsi dal mondo,tensione nel seguire il campano del cane,sintonia col bosco e i suoi ospiti,ritmo nello sparare. Comunque dovetti acconsentire.

Read More

Beccacce alle porte? Di Federico Gallo

12179066_907095406038933_1981073709_nDopo la ricorrenza della festa di Ognissanti e la rimembranza dei Defunti ogni cacciatore sente l’odore pieno dell’autunno. Il tempo ormai ha portato freddo e umidità e le campagne sono pronte. Boschi umidi e prati morbidi da coltivare si prestano all’albergo delle nostre Beccacce. Queste condizioni sono estremamente necessarie per non fare viaggi a vuoto. Però bisogna anche avere delle nozioni ed esperienze dei posti più idonei, sia nei luoghi sia nel passare della stagione.

Read More

Primavera e Beccacce Di Federico Gallo ( testimonianza sulla migrazione della beccaccia)

10420077_572127502889151_6009981431289530558_nLa sosta delle beccacce in Italia, specie nelle regioni meridionali, non finisce a gennaio o febbraio come immaginavano i vecchi cacciatori. Essi erano paghi delle loro battute invernali pertanto non andavano più a caccia dopo quei mesi, pur essendo la caccia aperta, almeno non praticavano la battuta alla beccaccia con quella insistenza e determinazione di oggi. Tutto ciò è comprensibile se si pensa che i cacciatori di beccacce, in senso specialistico, erano pochi; i territori molto vasti e la selvaggina molto abbondante. Ciò dava l’appagamento e la mancanza di stimoli che invece oggi sono estremamente compulsivi. Dea e Gyp erano i protagonisti, assieme a me, di quelle cacciate. Vincenzo e Daniela, miei figli, testimoniano coi loro vestitini leggeri che la stagione non era del tutto invernale. In alto appeso ai rami un carniere di Beccacce.

Read More

Fais il setter immortale di Federico Gallo

Help della Trabaltana

In novembre ci arrivammo con ansia repressa. Le foglie ormai ingiallivano e noi battevamo qualche querciolaia, tanto per vedere come era l’humus, come si era formato l’habitat per accogliere le regine. C’erano tutte le condizioni. Nella seconda decade cominciammo ad andare in montagna per provare il brivido del primo incontro.

Read More

Un setter per imparare ad andare a caccia Di Federico Gallo

Foto di Luci Scaramuzza

Dopo molti cani meticci e molte delusioni cominciai a pensare seriamente al modo per farmi un cane vero. Dico “vero” riferendomi ad un cane di razza. Ma i tempi non erano carichi di splendore ed io ero uno studentello liceale. Non potevo certo pretendere che la famiglia mi regalasse una cane che poteva costare tanti e tanti soldi. A quel tempo,parlo degli anni sessanta, un buon cane da caccia appena iniziato con certificato di origine a posto costava almeno centomila e anche più lirette. Lo stipendio di un impiegato si aggirava sulle quarantacinquemila lire al mese.

Coi miei amici si facevano molti sogni e molte elucubrazioni durante le poco fruttuose battute di caccia alle quaglie o alle beccacce.

Read More

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi