CACCIATORI DI MONTAGNA E DI BECCACCE

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Category: Francesco Materasso

La caccia non ha un merito sociale di Francesco Materasso

10250240_1474644642798649_5339342382386711466_nPoco dopo l’inizio del decennio in corso quasi tutti, dirigenti venatori, cacciatori e agricoltori e quanti ruotano attorno al settore caccia per interessi vari, sostennero che la caccia poteva avere un merito nel sociale. In concreto esiste una connessione tra le ragioni della caccia e gli interessi generali della società. Qualcuno dei soggetti su elencati sunteggi, per cortesia, gli sforzi culturali e organizzativi mirati a tale scopo.

Read More

Quando la caccia è chiusa, uscire con i cani da ferma è una necessità – di Francesco Materasso.

Oslo della Trabaltana

Oslo della Trabaltana

Se la caccia è uno sport, cani e beccacciai sono atleti e in quanto tali non possono essere stoppati con il 31 gennaio per poi ripartire con il mese di settembre. Una stasi così lunga ti rovinerebbe nel fisico e nella mente. Più volte ho confessato che non obbedisco a tale norma.

Continuo ad autodenunciarmi e a maledire, a nome dei miei cani ed il mio personale, quei supponenti rappresentanti dell’associazionismo e della cinofilia di categoria, perché nulla fanno a che si inserisca tale licenza, fra l’altro possibile, nei calendari venatori.

Read More

Battere l’assenteismo culturale prima che sia troppo tardi Di Francesco Materasso

IMG_4272Nel difendere gli imprescindibili diritti della caccia continua a essere di moda l’assenteismo culturale sia dei rappresentanti dell’associazionismo venatorio sia degli stessi cacciatori, con qualche sporadica eccezione. Se quello di base è grave, gravissimo è quello dirigenziale.
Tutto ciò è negativo non solo per la soluzione dei tanti problemi, ma per l’immagine negativa che mostriamo alla società, che a malapena ci sopporta. Bisogna, dunque e innanzitutto, essere preparati.

Read More

Il beccacciaio di Francesco Materasso

12138343_10207607863777372_6875539591654741073_oSul beccacciaio numerosi sono gli articoli che leggiamo su riviste venatorie o siti web, particolarmente quando le beccacce arrivano nel nostro Paese. Tutti protesi, con opinioni, parole, bugie e tante immaginazioni a quantizzare le qualità che un beccacciaio deve avere. E questo ci può stare. Mi preoccupa la tanta sicumera nell’addurre che, oggi, dette qualità sono di solito tutte presenti in ognuno che pratica questa specialità di caccia. Bene, anzi malissimo! Sull’argomento, quel che scrivono alcuni pifferai, c’è di che perdere la testa. La prostituzione aggettivale è tale che c’è da preoccuparsi. Ma questo è quello che vogliono sentire o leggere quei giovani che aspirano all’arte di predare la beccaccia? No! Non voglio crederlo.

Read More

Omertà venatoria di Francesco Materasso L’omertà è il silenzio della paura.

foto Corona 4

Chi tace evita noie e inconvenienti che invece capitano a chi non tace. Non sono d’accordo e non condivido tutti i proverbi a riguardo, tipo “il silenzio è d’oro”, “in bocca chiusa non entran mosche” o “il silenzio è la risposta dei saggi”, perché gli attribuiscono il valore della saggezza. Lo stolto che tace è forse un saggio? No. È scemo, così come tutti coloro che tacciono.

Read More

La Beccaccia di Francesco Materasso

21

La Beccaccia
è, fra gli uccelli, uno dei più affascinanti e intriganti così come gli umidi e brumosi boschi che frequenta.
L’Abbattimento
non deve avvenire a tutti i costi. La sfida è tra lei, il cane e l’uomo cacciatore, anche se è lei che si trova in condizioni di svantaggio.
Vero Beccacciaio
è colui che non ostenta il carniere, ma colui che l’affronta col silenzio e nel silenzio del bosco, rispettando entrambi oltre ogni misura.

E, quando, la possiede sente esplodere dentro di sé un conflitto che oscilla fra
la gioia e la tristezza.
Chi ciò non avverte non può definirsi un beccacciaio.
E non c’è una via di mezzo: si è o non si è.

“Beccacciaio e cane beccaccista – si è o non si è ” di Francesco Materasso

3_new“Un bel giorno, di tanti anni fa, vidi cercare e fermare più di un beccaccino da due magnifici e superbi spinoni, condotti da due cacciatori. Uscii dall’appostamento e andai loro incontro. Li salutai, presentandomi. Erano due fratelli, che si dichiararono spinonisti e braccofili, fino all’inverosimile. E cercatori di beccaccini e beccacce e niente altro. Quelle beccacce che io dipartivo alla posta mattutina e serale. Fu l’incontro che segnò la mia futura vita di cacciatore. Una sera, anch’essa lontana, squillò il telefono di casa. Era uno dei due fratelli: Peppino, per dirmi che all’indomani sarebbero andati a cacciare nella Sila catanzarese, perché avevano avuto avvisaglie che le prime beccacce erano arrivate. E se volevo andare con loro, perché la mia presenza sarebbe stata gradita.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi