CACCIATORI DI MONTAGNA E DI BECCACCE

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Category: GianGaetano Delaini

Pensieri su caccia e cinofilia di GianGaetano Delaini

lasagna3

Dott. Angelo Lasagna

Probabilmente se dovessimo esprimere le nostre idee sul ”cane e da beccacce” ideale avremmo pareri diversi influenzati da quel particolare cane che abbiamo avuti in un determinato periodo, dalle zone che abitualmente frequentiamo, dal nostro passato cinofilo, dal nostro modo di intendere il connubio cane-cacciatore, da come viviamo la caccia…Anche il fine ultimo della giornata venatoria è cambiato nel tempo. Siamo cresciuti attorniati da foto di nonni, padri, famosi cacciatori, che mettevano in bella mostra importanti carnieri, cartucciere doppie, cani grossolani nei lineamenti che facevano più da contorno che da primi attori.

Read More

“PASSIONI 3” – LA BUGIA DEL CACCIATORE – AMICI SI RACCONTANO

15326587_1221036174653856_828365814641476613_n

Su iniziativa dell’Ing. Piero Regazzoni, sono stati raccolti alcuni racconti fantasiosi di cinofili-cacciatori, che hanno portato alla stampa di un libro (Passioni 3 – La bugia del Cacciatore – Amici si raccontano) con la scopo di raccogliere fondi per un orfanatrofio del Kenia dove vengono accuditi bambini ammalati di AIDS. Troverete di seguito il racconto che io ho inviato per la stesura del Volume. Spero possiate dare una mano a questa iniziativa benefica. I libri possono essere richiesti telefonando direttamente all’Ing. Piero Regazzoni di Bergamo +39 3480073498

La pozza tonda (la pozza della galinassa – la pozza del nano)

Probabilmente non ci credeva più neppure lui o non ci aveva mai creduto, ma le minuziose descrizioni dell’accaduto, ogni volta ripetute con dovizie di particolari, e la storia molte volte sollecitata da amici diversi, lo avevano costretto a mantenere intatta quella incredibile avventura che gli era capitata alla II licenza di caccia, a 17 anni sul Monte Baldo.

Read More

TAVOLA ROTONDA IL CANE DA BECCACCE OGGI La relazione di Giangaetano Delaini BECCACCIA, CINOFILIA ED AMBIENTE: UN’ARMONIA DA RITROVARE.

IMG_4272

Jack di Mirco Peli su beccaccia primavera 2014

È sin troppo noto che la caccia alla beccaccia, nel nostro Paese ed in tutta Europa, andrebbe meglio regolamentata cancellando, di fatto, tutte quelle forme di accanimento predatorio (caccia all’aspetto, caccia in battuta, caccia in momenti di gelate improvvise….) che sono l’espressione più bassa e volgare di un istinto che, certamente, non può definirsi caccia. Tutte queste affermazioni di principio s’infrangono contro l’egoismo, la superficialità e la supponenza dei più, che – normalmente – hanno il sopravvento sulla ragionevolezza, l’etica e l’armonia.

Read More

Gion di Crocedomini

“Il cane da beccacce” di GianGaetano Delaini

Definire l’idealità del “cane da beccacce” in prove ed in caccia vissuta, sottraendosi alla tentazione di rifarsi a modelli puramente teorici od a quel particolare soggetto che, per aspetti disarticolati e spaziati nel tempo ci è stato molto caro o ci ha entusiasmato in quel particolare momento storico, può risultare difficile e non realizzabile. La difficoltà, tale da creare un naturale imbarazzo, è dovuta all’impossibilità di concentrare, in pochi pensieri o semplici qualità, tutto quello che il cane può e dovrebbe essere.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi