CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Categoria: Giuseppe Coti Zelati

UN SALADINI ALL’INGIU’ !!! ( parte seconda ) di G. Coti Zelati

Allevamento Marzale's

Giuseppe Coti Zelati a caccia con i Marzale’s

E fu cosi che, un po’ all’insù e un po’ all’ingiù, tra giudici diventati improvvisamente obesi ed altri improvvisamente accecati, tra cani che invece di cercar cotorni si mettono a scrivere ( imparassero almeno prima a leggere !! ), tra chi usa la carta stampata per far valere, giustamente, le proprie ragioni salvo poi asserire che della carta stampata non ci si deve fidare, tra cesti dal fondo rotto ma dotati di buon manico e scansafatiche che si erigono a docenti, ci si ritrova il 5 di Febbraio nella calda accoglienza dell’agriturismo del buon “ va so “ Salvi, in quel di Villa d’Almè a fare il punto su quello che sarà il Saladini Pilastri 2010.

Read More

UN SALADINI ALL’INGIU’ !! ( parte prima ) di G. Coti Zelati

MARZALE’S ANNIBALE

Questa almeno è la mia visione al momento di tirare le somme dell’edizione 2009 del trofeo Saladini Pilastri appena concluso e dopo aver giudicato 5 delle 16 prove in programma. E dicendo all’ingiù non intendo dire in discesa, per cui tutto facile, tutto bello, anzi ! Direi che mediamente stiamo assistendo ad un livellamento verso il basso, preoccupante. I numeri da soli parlano chiaro : 16 prove disputate, 40 cani mediamente presentati per un totale di 640 turni : 3 CACIT. Forse, guardando solo i numeri, esce un quadro dalle tinte eccessivamente forti, dure.

Read More

Serraglio, Settembre 1996 “ CONFIDENZE…” di G. Coti Zelati

AFTER e gli amici

AFTER

Essere figli di un cane da prove, contrariamente a quanto si possa pensare, è un bel casino. Essere figlio poi di un cane che corre le prove di montagna è il massimo della sfiga, ve lo assicuro. Durante le prove del circuito il tempo non c’è mai. Sai, la concentrazione, la tensione, la difficoltà di qualche turno di straforo e via di questo passo, mi relegano sempre in gabbia per venti ore al giorno. Scendo giusto per mangiare e sporcare. Gli allenamenti poi, nelle zone dove dovrei cacciare, vista la concomitanza delle date di questi con quelle del Saladini, vanno a farsi benedire. A caccia non ne parliamo.

Read More

“Coturnice un patrimonio da gestire” Convegno Serina 25/10/12 intervento di G. Coti Zelati

Valle Cadino Brescia

Valle Cadino Brescia

Coturnice un patrimonio da gestire è il titolo di questo convegno e come coniugarlo con noi cacciatori/cinofili che la coturnice ci piace cacciarla e spararla ?

Di primo’acchito sembra una contraddizione ma, analizzando la situazione scopriamo che così in realtà non è. E voglio iniziare il mio intervento con una provocatoria domanda : – vi è qualcuno che è in grado di darmi ragguagli circa la situazione della marmotta ( censimenti, prelievi, stato di salute ect. ) su tutto l’arco alpino ?

Read More

Page 2 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi