CACCIATORI DI MONTAGNA E DI BECCACCE

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Category: Racconti (Page 1 of 4)

La valle del paradiso di Giorgio Bracciani-autore dei libri della locandina-

ipg

Agli inizi del mio lavoro, nei primi anni sessanta del secolo scorso, andavo spesso a trovare il medico condotto dell’ultimo paese in fondo alla valle di C.

La strada per arrivarvi, tutta curve, non finiva mai, e il buon medico che aveva da fare praticamente solo con montanari ingrugniti e poco loquaci, mi accoglieva sempre con gioia e simpatia. Un giorno mi chiese perché mai percorressi tutta quella strada, anche d’inverno, per arrivare fin lassù.

–          Il fondovalle e la città sono pieni di medici, più comodi da visitare. Perché diavolo vieni fin quassù? E’ una scelta tua o è una direttiva dell’azienda per la quale lavori?-.

–          No, no, è una scelta mia, nessuno mi obbliga a fare così tanti chilometri. E’ solo la mia passione per la caccia in montagna. Quando c’è questa passione, la tua meta è salire, salire, sbucare in una valle, in un’altra ancora. Un’ ansia mi divora di vedere posti nuovi dove m’illudo di essere il primo a scoprirli. E poi sono solo col mio cane e l’illusione di essere il padrone di questo mondo-.

Read More

Nel delicato acquerello della memoria la caccia diventa racconto l’ultima beccaccia di Guglielmo Mozzoni

11401139_706069686171920_4291780702910676259_n

II fascino del ricordo, un volo che non si fermerà mai trasportando sulle sue piume la nostalgia di giorni trascorsi…

…Tuoni, fulmini, saette e poi di colpo cielo sereno e arcobaleno; di nuovo voglia di vivere, di andare, di vedere…

Vado in scuderia, metto la sella alla mia generosa Iris che non aspettava altro e via! Via per i prati, per le rogge, per i boschi: Iris entusiasta galoppava sfrenata, ma su una curva il temporale di poco prima aveva abbattuto una quercia lasciandola un paio di metri sospesa attraverso il nostro percorso. Iris, senza la minima esitazione, inebriata dalla sua corsa sfrenata, le passò sotto senza pensare che sopra di lei c’ero io! Morale: io persi un occhio e l’altro cominciò a vederci sempre meno; e per tutta l’estate pensavo: “Potrò ancora veder volare la beccaccia?’.

Read More

Beccacce innamorate di Guglielmo Mozzoni

scolopax-rusticola-209Estate di San Martino del 1933. Novembre; il mese più fantasioso per me a caccia di beccacce sulle prealpi di Varese; era ancora notte e io ero già al laghetto di Brinzio appoggiato a quella bella noce che chissà nel tempo le beccacce che aveva visto passare. Ero comodissimo tanto che pensavo di essere ancora in letto, mi spiaceva solo che non ci fosse anche lei appoggiata un po’ alla noce e un po’ a me. Pensando così, mi venne in mente una di quelle storie di beccacce che mi raccontava il mio carissimo padre durante una colazione al sacco tra una cotoletta alla milanese e un peperone…

Read More

“PASSIONI 3” – LA BUGIA DEL CACCIATORE – AMICI SI RACCONTANO

15326587_1221036174653856_828365814641476613_n

Su iniziativa dell’Ing. Piero Regazzoni, sono stati raccolti alcuni racconti fantasiosi di cinofili-cacciatori, che hanno portato alla stampa di un libro (Passioni 3 – La bugia del Cacciatore – Amici si raccontano) con la scopo di raccogliere fondi per un orfanatrofio del Kenia dove vengono accuditi bambini ammalati di AIDS. Troverete di seguito il racconto che io ho inviato per la stesura del Volume. Spero possiate dare una mano a questa iniziativa benefica. I libri possono essere richiesti telefonando direttamente all’Ing. Piero Regazzoni di Bergamo +39 3480073498

La pozza tonda (la pozza della galinassa – la pozza del nano)

Probabilmente non ci credeva più neppure lui o non ci aveva mai creduto, ma le minuziose descrizioni dell’accaduto, ogni volta ripetute con dovizie di particolari, e la storia molte volte sollecitata da amici diversi, lo avevano costretto a mantenere intatta quella incredibile avventura che gli era capitata alla II licenza di caccia, a 17 anni sul Monte Baldo.

Read More

Êl zinco e le Rejno (lo zingaro e le regine) di Mario Salomone

 

                                               Foto di Mario Salomone

Mentre la caffettiera borbotta tutto il suo aroma in sottofondo, sento che Giove pluvio sta dando il meglio di se ma, imperterrito e ostinato, carico i setter e si parte. Quando la strada comincia a inerpicarsi su per il monte, il colore ai bordi della carrareccia cambia da un lucente scuro al bianco immacolato della neve.  Arrivo a destinazione, in un piccolo slargo della carrareccia e appena spento il motore, distinguo i goccioloni che cadendo  dagli alberi creano un armonioso picchiettare.

Read More

Bourbon e strega a Piero Pieroni di GIOVANNI PELLEGRINO

14731195_10207713220374571_266844022872173902_n

Di Mario Salomone 13 Ottobre 2016

<< Premio giornalistico L’Arcera 1989 >>

Premio speciale del Comitato Nazionale Caccia e Natura a Giovanni Pellegrino per il racconto Bourbon e strega», pubblicato da <<L’immaginazione>>, con la seguente motivazione: Nel tentativo di addestrare il cane governandone gli istinti, si specchia l’identico tentativo di stabilire una comunicazione con la donna. La vicenda venatoria narrata da Giovanni Pellegrino diventa mirabile pretesto per rappresentare l’incapacità del protagonista di trovare con gli altri un terreno d’intesa fatto di comuni scale di valori.

Read More

” GRAFFITI ” Mario Grassi Rezzato, 30-07-2011

13173777_10206781342515828_6519561587497955305_n-2Questa per me è una  parola che evoca tante cose: in primis la CACCIA.  I “Graffiti”  sono infatti per eccellenza le incisioni rupestri della nostra Valle Camonica – Primo Patrimonio dell’Umanità riconosciuto dall’UNESCO nel 1979 – testimonianza della caccia di quegli uomini primitivi; graffiti sono pure i solchi indelebili incisi, nella mia memoria, dalle emozioni suscitate dal mondo venatorio in quasi tutte le sue manifestazioni. Esiste una locuzione, nel nostro dialetto bresciano : “ ghet amò ‘l vesse de ‘nda a tra ?”( hai ancora il vizio d’andare a caccia?).

Read More

CRIMEA : BECCACCE , CARRI ARMATI e MINE di Enrico Cavina

Pernaja, Finland

POST SCRIPTUM di TRE BECCACCE ALLE OLIMPIADI DI SOCHI, scritto  durante la crisi Ucraina – Russia – Crimea  2 Marzo 2014  nello  spirito di e-book ( instant-book )

Ai primissimi giorni di Marzo, Vladimira aveva iniziato il suo viaggio di ritorno partendo dalla foresta di Dadià in Grecia del Nord sù sù dritta ad attraversare il Mar Nero e rifare una bella sosta in Crimea prima di procedere più a Nord verso gli Urali . Lì si era sempre trovata bene per pastura e tranquillità.

Read More

IL SOGNO: LA FATA E LA FIABA DI UNA MIGRAZIONE di Enrico Cavina

img_0452-copie3

Per più giorni, credo per più di un mese, mi ero lasciato prendere dalla passione di consultare tutto quello che di più scientifico si potesse cogliere dalla Letteratura di Ricerca sulla beccaccia e sulla sua migrazione. E così di pari passo mi ero messo a scrivere uno zibaldone, una vera rassegna bibliografica che poi pomposamente avevo definito “evidence based review”, ed altrettanto scherzosamente avevo titolato

 “La beccaccia scientifica”.

Avevo letto, riletto, analizzato e cercato di sintetizzare tanti aspetti della anatomo-fisiologia della beccaccia e del suo ciclo vitale , io stesso trascinato da quella curiosità che ti prende quando affondi te stesso ,umile dilettante,dentro i rigidi risultati della ricerca scientifica , quella vera ;tanta passione quasi quanto quella che per anni ed anni,ed ancora oggi,ti spinge nel bosco,duro ed impenetrabile a tratti,alla ricerca di quel frullo dove poi tu lanci un’inconsulta vampata di piombo e morte:così dentro i misteri della beccaccia,così dentro i misteri del tuo “essere”.

Read More

Tre Beccacce alle Olimpiadi di Sochi di Enrico Cavina

scolopax-rusticola-116

Questa è una storia strana e fantasiosa , fantasiosa sì ma non si può escludere che qualcosa di vero ……qualcosina……ci possa anche essere. Perché tre beccacce a Sochi ? Béh…..certamente è possibile che alcune beccacce russo-asiatiche siano rimaste in inverno da quelle parti dopo aver svalicato le montagne di Krasnodar e scese giù per quelle valli che arrivano sulla costa del Mar Nero dove sorgono le faraoniche strutture delle Olimpiadi Invernali 2014 a Sochi .

Read More

Page 1 of 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi