CACCIATORI DI MONTAGNA DI BECCACCE E DI BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Categoria: Lucio Scaramuzza (Page 1 of 2)

C’ERA UNA VOLTA…di Lucio Scaramuzza

Museo Comunale della Civiltà Contadina e degli Antichi Mestieri Ferrandina Matera Campania

C’era una volta un bellissimo territorio del nostro Appennino popolato da tanta gente che viveva su queste montagne grazie ad un lavoro ritmato dalle stagioni, duro, incessante, in certi periodi dell’anno dall’alba al tramonto ma, abbastanza felice o comunque, sufficiente a procurare serenità.

Read More

IL CACCIATORE IL CANE DA CACCIA-LE PROVE- di Lucio Scaramuzza

Foto e cani di Lucio Scaramuzza

Visto che il mondo della cinofilia ha difficoltà ad interpellare i cacciatori, che in fondo dovrebbero essere gli utilizzatori finali del prodotto…..mi permetto di esprimere un pensiero sull’argomento, sapendo che sarà assolutamente incompleto, e che non rappresenta certo il pensiero di tutti i cacciatori. Ma i cacciatori come me che genere di prestazioni pretendono (meglio… pretenderebbero)dal loro cane, come dovrebbe essere il cane ideale visto da chi va a caccia.

Read More

IL SENSO DI ESSERE CACCIATORE CINOFILO Relazione di Lucio Scaramuzza

Convegno a Lazise del 14 Aprile 2018

..La caccia, quella vera, sono i balzi di gioia del tuo cane, quando ti vede staccare, prima dell’alba, il fucile dalla parete, sono le serpentine trepidanti del cane sul primo fiato di selvaggina, tra i rovi del sottobosco……..
No, i nemici della caccia il vero cacciatore non lo conoscono e quando parlano di caccia, il vero cacciatore non capisce le loro parole; e se le capisce, li compatisce. Li considera gente cui é mancato, nella vita, uno dei godimenti più poetici, puri, esaltanti che la vita ancora può riservare.
Indro Montanelli

Read More

Premessa alla proposta di modifica dell’attuale legge sulla caccia

Coturnici e pernici (40)

Le starne bisogna volerle

Prima di avventurarci in una disamina relativa all’organizzazione sul territorio, con la sua genesi,  le sue motivazioni e la sua attualità, bisogna ricordare a tutti un  paio di cose: 1) Sono anni che i cacciatori hanno paura del cambiamento e preferiscono restare immobili, ma probabilmente è venuto il momento che se non ci si muove si muore 2) La legge che disciplina l’ingresso ad uso venatorio dei terreni privati, in Italia è unica al mondo, e fu promulgata nel ventennio fascista.  Tale e quale pervenne ai posteri come si riscontra nell’art 842 del vigente C.C.. (*) .

Read More

…Per fortuna che i nostri cani non possono parlare…….di Lucio Scaramuzza

28811254_167808260690701_2098331213_o

Foto di Lucio Scaramuzza

             …però ci amano talmente tanto che forse sarebbero disposti,

                magari  con le orecchie basse, a dire che ciò che ascoltano

                dai loro padroni é tutto vero…..

Dicono che per raccontare bene le bugie occorra essere  fantasiosi,   intelligenti, creativi, insomma un po’ artisti.   

Sono   convinto che  se bastasse questo,  fra i    cacciatori potremmo annoverare i più grandi artisti  mai vissuti.

In effetti le balle dei cacciatori sono talmente tante,  talmente divertenti e  a volte talmente ben costruite  che trovo geniale l’idea di scrivere un libro su questo argomento, anche se un solo libro non è certo sufficiente a raccoglierle tutte.

Read More

ALBANIA 1991 LA TERRA DELLE AQUILE.. E DELLE COTORNE di Lucio Scaramuzza

Foto di Lucio Scaramuzza

Foto di Lucio Scaramuzza

E’stato grazie al Conte Max Tornielli se abbiamo avuto la possibilità di   cacciare   con i nostri cani, al momento giusto, in uno dei più bei posti da cotorne  che io abbia visto.

Arrivare in Albania in quei tempi subito dopo la  caduta  di una delle dittature più inverosimili che la storia dell’umanità ricordi, non era cosa facile.

Non c’erano regole non esistevano praticamente le leggi, potevi incontrare poliziotti in divisa o in borghese (chissà se poi erano davvero poliziotti) che chiedevano, a loro assoluta discrezione,  per trasgressioni anch’esse inventate al momento, tangenti sotto forma di multe da pagare, che per nostra fortuna erano assolutamente sopportabili e che, per liberarci velocemente, pagavamo.     

Read More

I PRIMI DUE GIORNI NELLA PENISOLA DI KOLA di Lucio Scaramuzza

25551962_825167910941335_2294632570528802067_n

Foto di Lucio Scaramuzza

Era da alcuni mesi che avevamo deciso di partire per la Penisola di Kola, Paolo ed Eugenia avevano avuto dei contatti che ritenevano interessanti, ne avevamo parlato a lungo e avevamo deciso di andare a vedere cosa c’era , anche in fatto di caccia.

A dire il vero tramite internet ero riuscito a trovare foto e filmati (soprattutto di pesca al salmone, la penisola di Kola è famosa in tutto il mondo per questo) e mi ero fatto una vaga idea del territorio , per molti aspetti simile alla Lapponia svedese.

Anche quello d’altro canto era territorio lappone e confinava a nord-ovest con i territori lapponi della Norvegia e della Finlandia.

Il periodo in cui avevamo deciso di partire doveva essere la fine d’agosto, ma Paolo ed Eugenia con altri quattro erano partiti a metà agosto, incuranti delle zanzare.

Read More

LA PRIMA VOLTA ALLA PENISOLA DI KOLA di Lucio Scaramuzza

24852591_816085478516245_4339204707254377255_n

Un filetto per Miss

……… Siamo si e no a mezzogiorno e ci fermiamo per riposare un po e per mangiare un boccone, abbiamo due cedroni e un sacco di belle azioni dei cani e questo ci rende felici. Dopo esserci riposati si riparte, ormai abbiamo doppiato la punta della penisola quando ci troviamo di fronte una grande radura acquitrinosa vedo la Miss che la attraversa velocemente e s’infila nel bosco di fronte, non passa neanche un minuto e sento il palmare vibrare, la Miss è in ferma, a 150mt, attraversiamo anche noi l’acquitrino cercando di non affondare fino alla cinta ed entriamo nel bosco, non faccio 50 mt e la vedo, é distesa in ferma, schiacciata a terra… bellissima…. mi avvicino velocemente e faccio segno agli altri di andare comunque avanti, infatti come le arrivo vicino, quasi mi aspettasse, la Miss comincia a guidare gattonando, andiamo avanti così per una cinquantina di metri e vedo gli altri sulla mia destra, più avanti di me, vedo Carlo proprio al centro di una piccola radura e improvvisamente il Gallo parte sulla sua destra e attraversa la radura passandogli sulla testa, spara due volte ma il gallo se ne va senza dar assolutamente segno d’esser stato neanche sfiorato dalle fucilate …. Cazz…..

Read More

il Gallo Cedrone é addirittura entrato nella letteratura come sinonimo di bellezza, di forza e di potenza sessuale di Lucio Scaramuzza.

Cedrone (35)

Lessi dell’urogallo per la prima volta quando mio padre alla fine degli anni 60  mi regalò il “BOSCO DEGLI UROGALLI” di Mario Rigoni Stern.

Non sto qui a descrivere questo magnifico libro perché già in tanti   più bravi di me ne hanno  recensito le stupende pagine  scritte da uno dei migliori scrittori del 900.

Mi rendo conto che   se mi mettessi a parlarne aggiungerei solo delle inutili banalità, come spesso  ascolto  e leggo. 

Posso dire però che la descrizione di quelle stupende giornate di caccia mi colpi e mi rimase impressa  per sempre .

Read More

LA SITUAZIONE CACCIA IN ITALIA di Mirco Peli e Lucio Scaramuzza

Coturnici e pernici (103)

La situazione caccia oggi in Italia la conosciamo tutti, diciamo che se è cosi ridotta non è colpa dei giovani, le responsabilità le hanno i più anziani a tutti i livelli, sia nelle associazione venatorie che fra i politici, ma anche fra i semplice cacciatori praticanti. Il problema principale della caccia in Italia è che la densità di cacciatori rispetto al territorio libero è di molto superiore alla selvaggina vera. L’eccessiva densità di cacciatori porta ad infastidirsi a vicenda, è provato che è la quantità e la qualità di selvatici presenti nel territorio a determinarne l’umore e il rapporto con gli altri cacciatori, e da noi è pessimo. Per ora ci affidiamo al miglioramento della situazione solo attraverso il calo dei cacciatori, ma se si vuole qualcosa di diverso serve un cambiamento, partendo da cosa servirebbe ai cacciatori.

Read More

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi