CACCIATORI DI MONTAGNA E DI BECCACCE

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Categoria: Roberto Scorta

Beccaccini in Estonia di Roberto Scorta

Roberto il setter e la sua Garlasco

Li ho sempre cercati, loro i famigerati becchilunghi dal bacio facile, ovunque andassi per il mondo con i miei cani. Fosse solo per addestrare oppure per cacciare, il loro fascino calamitava il mio spirito ed i miei passi quasi fossero ipnotiche divinità volanti. Ovunque mi trovavo i miei occhi mai smettevano di ricercare reconditi angoli di umido opportuni e confacenti alla loro presenza, praterie allagate, stoppie marcescenti o paludi salmastre.

Read More

IL SETTER INGLESE SECONDO ROBERTO SCORTA

11258587_10204262876232404_1698631765_n

L’amico Roberto Scorta

Pensare ad un Setter Inglese. La prima emozione che vorresti trasmettesse alla tua anima. Un benessere spirituale che nasce dal osservare una amalgama di leggiadria di forme in simbiosi con una funzionalità psicofisica capace di ipnotizzare i tuoi occhi ed attrarli su di sé fintanto che ne sia protagonista. Facendo si che ogni sua sfumatura anche la più insignificante sia quella nota che trasforma la sinfonia in un capolavoro.

Read More

“Roberto Scorta ha scritto: Non mi ha mai conquistato ne scaldato l’animo ne vinto la ragione.”

11178574_10204221932248830_2027942385_nMi sono sempre chiesto il perché del mio tiepido interesse per un selvatico di tale pregio e bellezza di tradizione venatoria e anche per certi versi cinofila. Di ambiente pregiato e suggestivo capace di stimolare emozionale reazione profonda e condivisa da tanti animi che ne ricercano con caparbia continuità e religiosa dedizione il contatto, anche solo fuggente, spesso sfuggente a volte solo percepito. Chiamatela Regina. Merita un deferente rispetto una composta nobile maniera ricca di gestualità tramandate da una lunga dedizione.

Read More

“Crederci “ Di Roberto Scorta

11257723_10204270844991618_1085413207_nPer me la vita è credere di potere. Credere di essere capaci di creare anche ciò che ragionevolmente rende scettici e poco solerti ad accettarne le traversie. Avere davanti un cammino che svolta spesso attorno alla ragione per prendersene gioco con frivola eleganza approfittando della tua stupita espressione per giocarti un’altro tiro intriga e stuzzica il principio della sfida. Così dopo avere letto riletto straletto scendiletto e via dicendo che, uno degli argomenti che più mi appassionano anima e cuore, non sia possibile coniugare in un Setter Inglese resa venatoria resa operativa e classe eleganza taglia distinzione maniera che ne sono forte imprescindibile ed assolto marchio di fabbrica RESTO risolutamente convinto del contrario. E ne vado fiero ed orgoglioso. Ritengo infatti, diciamo con naso storto e amaro palato, miserevoli, diciamo leggere va, di convenienza, giustificazioni od opinioni?? Di coloro che sostengono questo concetto a volte espresso secondo me con un accento un po’ pepato.

Read More

Essere Beccaccinisti Uomini e cani Ovvero i pensieri di Roberto Scorta

11212369_10204221947529212_1955914181_nSignifica avere follia insita in se stessi, stravaganza ed assoluta anarchia mentale.

Vivere dentro una onirica dimensione di nebbia fango illusione.

Aborrire la ragione l’equilibrio il raziocinio la saggezza e la normalità.

Aderire ad una confraternita di adoratori dell’assurdo.

Volere tutto accontentarsi di niente per lo più di poco qualche volta… rara.

Read More

INTERVISTA A ROBERTO SCORTA. “ALLEVAMENTO AMATORIALE SETTER ”

11198583_10204221942369083_314003069_n

Quale è stato il motivo che ti ha portato a selezionare ed allevare il Setter ?

La mia passione risale al 1980 quando però era diciamo così più scura visto che fino al 1997 è vissuta per il Setter ma Gordon. In quegli anni però sempre ho avuto modo di incontrare gli Inglesi di cui ho sempre subito il fascino che trasmetteva la loro algida bellezza un connubio speciale di forza ed eleganza assoluto e unico. La classe la distinzione la raffinata maniera il contegno l’eleganza nel esprimerlo così come una distinzione assoluta nel interpretare il proprio istinto mi hanno sempre convinto che al momento in cui fosse arrivata la decisione di avere un’altra razza di cacciatori il Setter Inglese sarebbe stata la mia priorità su tutto. Lasciati i Gordon dai quali ho avuto grandi soddisfazioni oltre che per i campionati di Europa cui fui e furono selezionati i miei cani anche nella caccia. Beccaccini di cui ben sai la mia malattia ma anche starne.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi