CACCIATORI DI MONTAGNA E DI BECCACCE

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Category: Trofeo Romano Saladini Pilastri (Page 1 of 3)

Regolamento Trofeo Saladini Pilastri 2017

Introduzione di Vanni Mantegari al convegno Lazise 2017

Premesso che il valore di un soggetto è dato dalle qualifiche ottenute nelle prove, con il massimo grado raggiunto nella proclamazione a campione Italiano e Internazionale. L’unione delle prove “SELEZIONATE” fa un trofeo, nel nostro caso Saladini Pilastri e Gramignani; ritengo che rappresenta la massima aspirazione per un Cacciatore Cinofilo amante della montagna parteciparvi con i propri soggetto, per misurarsi con altri conduttori ai selvatici in ambienti diversi. Questo esserci in queste prove VERITIERE , esige un cane Venatoriamente capace, addestrato,  corretto e soprattutto deve delineare le caratteristiche di razza che appartiene. Questo innalzamento dell’asticella, ha portato come detto in più situazioni ad un buon accrescimento delle qualità di razza dei cani nell’esercizio venatorio, riflettendo questa positività anche ai cacciatori evoluti non direttamente frequentatori delle prove.

Read More

Tutto sul “TROFEO ROMANO SALADINI PILASTRI” ( calendario e risultati 2017)

ALBO D’ORO

1° Edizione 1986 Nelson delle Vedute s.i.m. di Rivolta

2° Edizione 1987 Nelson delle Vedute s.i.m. di Rivolta ex aequo con Vara della Cervara p.f. di  Torielli

3° Edizione 1988 Vara della Cervara p.f. di Torielli

4° Edizione 1989 Magia del Tirso p.f. di Giachino

5° Edizione 1990 Asso s.i.m. di Giachino

6° Edizione 1991 Dingo dell’Acqua Fregia s.i.m. di Trapletti/Tartari

7° Edizione 1992 Loi s.i.m. di Rui

8° Edizione 1993 Maia dell’Onda Marina s.i.f. di Della Bella

9° Edizione 1994 Mea s.i.f. di Trapletti

10° Edizione 1995 Mea s.i.f. di Trapletti

11° Edizione 1996 After s.i.m. di Coti Zelati

12° Edizione 1997 Edbel Brut s.i.m. di Della Bella

13° Edizione 1998 After s.i.m. di Coti Zelati

14° Edizione 1999 Volo di Crocedomini s.i.m. di Breda

15° Edizione 2000 Boniek s.i.m. di Cavaglià

16° Edizione 2001 Boniek s.i.m. di Cavaglià

17° Edizione 2002 Po s.i.m. di Cossali

18° Edizione 2003 Po s.i.m. di Cossali

19° Edizione 2004 Boniek s.i.m. di Cavaglià

20° Edizione 2005 Rinaldo del Pizzo Stella s.i.m. di Pensa

21° Edizione 2006 Aris s.i.m. di Sacristani

22° Edizione 2007 Red s.i.m. di Pironio

23° Edizione 2008 Ras s.i.m. di Pensa

24° Edizione 2009 Scari s.i.m. di Bonzi

25° Edizione 2010 Tilò s.i.m. di Grosso

26° Edizione  2011 Eva di Crocedomini s.i.f. di Giorgi

27° Edizione 2012 Cora della Regina del bosco s.i.f. cond. Massimo Pelamatti

28° Edizione 2013 CowBoy d’Abel et Cains s.i.m. di Jean Michel Guette

29° Edizione 2014 Alex s.i.m. di Xristos Tzimpis / D’Alessandris

30° Edizione 2015 Mars od Slyuka Travel s.i.m. Cond. D’Alessandris

31° Edizione 2016 Mars od Slyuka Travel s.i.m. Cond. D’Alessandris

RISULTATI E CALENDARIO DELLA 32° EDIZIONE 2017

Calendario prove 2017

16/17 agosto – Le Mandelon (Svizzera) –

19/20 agosto – Bretoncino/Trambileno (Tn) –

19 agosto 2017 – Trofeo Saladini Pilastri

 Batteria A – Zona Corna Piana

GIUDICI: Franco Malnati, Roberto Ziliani

1° ECC CAC CACIT   Dandaberri Obama di J.M. Flores     SIM

2° MB                          Mosè della Vecchia Irlanda di A. Pederiva    SIM

3° MB                          Dandaberri Santa di J.M. Flores   SIF

Batteria B – Zona Altissimo

GIUDICI: Vanni Mantegari, Giuseppe Fabricotti

1° ECC                       Holliwood di U. D’Alessandris

Batteria C – Zona Val del Parol

GIUDICI: Giangaetano Delaini, Alfio Guarnieri

1° ECC                       Tissot di G. Giorgi    SIM

2° ECC                        Tuono del Monte Guglielmo di G. Caldinelli SIM

3° ECC                        Rea del Monte Guglielmo di G. Caldinelli    SIF

20 agosto 2017 – Trofeo ENCI Montagna

Batteria A – Zona Montesel

GIUDICI: Vanni Mantegari, Giuseppe Fabricotti

1° ECC                       Desianensis Guy di A. Pederiva   SIM

2° ECC                       Ariel cond. C. Fondi  SIF

3° M.B                     Glenda di D. Trombini SIF

CQN                           Rush cond.  C. Fondi  SIM

Batteria B – Zona Pesna

GIUDICI: Alfio Guarnieri, Roberto Ziliani

1° ECC                       Zeta di Crocedomini di G. Giorgi SIF

2° ECC                       ICE II du Mas Des Vernets di La Font  SIM

Batteria C – Zona Lastè

GIUDICI: Franco Malnati, Giangaetano Delaini

1° ECC CAC CACIT  Demo cond. U. D’Alessandris  PTM

2° ECC                       Argo de Lambrine cond. U. D’alessandris SIM

22 agosto – Giovo (Co) –

23 agosto – Aosta (Ao) –

24 agosto – Vittorio Veneto (Tv) –

25 agosto – Paderno del Grappa (Tv) –

26/27 agosto – Belluno (Bl) –

29 agosto – Imperia (Im) –

1 settembre – Paularo (Ud) – 

2/3 settembre – Vigo di Cadore (Bl) –

7/8 settembre -Esine (Bs) –

9/10 settembre – Bergamo (Bg) –

15 settembre – Verbania (Vb) –

16/17 settembre – Cuneo (Cn) –

CRITERIO DI ASSEGNAZIONE DEI PUNTI

Ecc. C.A.C.I.T. punti 12

Ecc. Ris. C.A.C.I.T. punti 11

Ecc. C.A.C. punti 10

Ecc. Ris. C.A.C. punti 9

Ecc. 1° punti 8

Ecc. 2° punti 7

Ecc. 3° punti 6

Ecc. punti 5

CQN punti 4

M.B. punti 3

Buono punti 1

REGOLAMENTO TROFEO SALADINI PILASTRI 2017

  • sarà ritenuta valida una sola giornata di prova per ogni comitato organizzatore e/o provincia di appartenenza (qualora le giornate a programma risultassero più di una, sarà ritenuta valida la prima giornata di prove);
  • per accedere alla classifica finale è indispensabile partecipare ad almeno metà delle prove ritenute valide per il trofeo Saladini Pilastri più una. Di queste verranno prese in considerazione i 4 migliori risultati;
  • a parità di punteggio varrà la qualifica più alta ed in caso di ulteriore parità verrà premiato il soggetto più giovane;
  • al soggetto di sesso femminile che avrà totalizzato il miglior punteggio solo nelle prove valide del trofeo Saladini Pilastri, verrà assegnato un ulteriore premio tenuto conto che, a parità di punteggio varranno le regole sopra riportate.
  • Il trofeo Saladini Pilastri, anche per l’edizione 2017, ha durata annuale. Al vincitore verrà assegnato in premio, come da tradizione, una scultura di coturnice.

regolamento trofeo ENCI di montagna 2017

  • vincitore del trofeo il soggetto che avrà totalizzato i maggior punteggio nella totalità delle prove inserite nel circuito anche non valide per il trofeo Saladini Pilastri.
  • l’ ENCI mette in palio un premio speciale, denominato “Trofeo di allevamento ” da assegnare al Titolare di allevamento (affisso) che avrà ottenuto i migliori risultati con almeno due dei propri soggetti nelle prove del Trofeo ENCI Montagna.

 

Romano Saladini Pilastri visto da Oscar Monaco e Giancarlo Mancini Tratto dal libro ” 4 Uomini : 100 anni di Cinofilia Picena

 1 (3)Oscar Monaco è un personaggio che non ha bisogno di alcuna presentazione. Credo faccia parte di quella ristrettissima cerchia di persone che ebbero la fortuna di sperimentare il livello più profondo dell’amicizia di Romano Saladini Pilastri. Ci affida i suoi ricordi in uno scritto sintetico ma ricco di significato.

Read More

CONTE ROMANO SALADINI PILASTRI di Filippo Cataldi tratto da “4 Uomini : 100 anni di Cinofilia Picena”

Pag.-14 (2)Romano Saladini Pilastri conte di Roventino nasce a Ascoli Piceno l’anno 1910 il 9 ottobre. L’epoca storica e la condizione della sua nascita – apparteneva a quella nobiltà rurale che oltre a possedere ricchezze e beni terrieri era portatrice di secolari ed illuminati valori etici —sembrano essere un segno del destino, perché è nell’arco della sua esistenza terrena, collocato il periodo in cui la cinofilia, in Italia e all’estero, ha il suo maggiore sviluppo in senso tecnico e sportivo. Ma per dirla alla macchiavelli, Romano Saladini Pilastri ebbe fortuna e virtù. La caccia e la cinofilia sono stati fattori formativi e indici fin dalla sua primissima infanzia.

Read More

I surfisti delle cime di Luca Zaninoni surfisti ed eroi al Saldini Pilastri

surfer-saladin710

L’altra mattina sono arrivato al ritrovo della tappa del Saladini Pilastri sulle Alpi Comasche: mi sono trovato in mezzo al gotha dei conduttori delle prove di montagna, una cerchia ristretta di specialisti delle rampe, monomaniaci della cotorna o del forcello, atleti capaci di scatti in salita impensabili per noi semplici testimoni della prova.

Le facce sono quasi cotte dal sole, i sorrisi grandi e schietti, spesso barbe e capelli lunghi…

Ma sono nel comasco o sulle spiagge della California nei magici anni ’60?

Read More

31° Edizione 2016 vince il Saladini Pilastri Mars od Slyuka Travel s.i.m. Cond. D’Alessandris

mars-od-slyuka-travel

mars-od-slyuka-travel

Saladini Pilastri 2003 : tanti galli, tanto caldo, tanto…Po’ !! di G.Coti Zelati tratto da www.marzales.it

Setter di Cossali

setter di Cossali

Anche per il 2003 il Saladini ha dato il suo verdetto. Che è un verdetto sostanzialmente di conferma: il Po’ di Pietro Cossali sopra a tutti. Mestiere, ritmo, coraggio, autonomia, sicurezza olfattiva sicuramente i suoi meriti che gli hanno permesso di fare il bis. Ma esistono anche dei demeriti: quelli degli avversari soprattutto. Sono mancati i rivali. E’ mancato il Berus di Pedraglio. L’esperienza ormai acquisita e l’ottima intelligenza venatoria già palesate in più di una circostanza per quest’anno sono rimaste nel cassetto di questo setter bianco-arancio, in taglia, dal galoppo un po’ macchinoso e non sempre composto ma con un ottimo stile di ferma. Prestazioni non sempre esaltanti con alcuni cali a fine turno a dimostrare che il soggetto soffre particolarmente il caldo. E’ mancato il Canon di Tartari. Non esempio di stile, ma tanta potenza, tanto coraggio con quel suo modo particolare di aggredire sempre la montagna e una buona positività sugli animali dimostrati nell’edizione 2002, quest’anno sono stati latenti. E’ mancato il Pako di Cavaglià. Trofeo corso tra luci ed ombre. Forse più ombre che luci: l’anagrafe ha detto la sua unitamente all’acuirsi di alcuni “ vizietti”.

Read More

SALADINI & DINTORNI 2002 di G. Coti Zelati tratto da www.marzales.it

AFTER CON IL RIVALE STORICO GIP DI PIERINO COSSALI

AFTER CON IL RIVALE STORICO GIP DI PIERINO COSSALI

Bene o male anche quest’anno il trofeo Saladini Pilastri è giunto al termine. A circuito finito sono d’obbligo alcune riflessioni. Assurda anzitutto la tirata di otto prove in nove giorni. Assurda ancor di più perché causata non da problemi tecnico-organizzativi, che ne sono stati viceversa la conseguenza, bensi da non corretti comportamenti umani. Per non corretti intendo superficiali, approssimativi, tendenziosi a volte, comunque zeppi di incomprensioni che non si vogliono risolvere. Bastava guardare i volti ed ascoltare i discorsi di alcuni concorrenti il giorno di Aosta, ultimo dei nove, per renderci conto che qualcosa di bello, che avrebbe dovuto farci godere, si era tradotto in calvario. Falsando anche l’aspetto tecnico. A ridare un sorriso a tutti noi, i galli. Tantissimi incontri in tutte le prove. Altissimo il numero degli incontri al Pasubio, bel riscatto di Le Mandelon, conferme positive per Aosta e Ticino, ottimo il Visentin, non sono al corrente di Imperia.

Read More

Saladini 2012 senza sorprese. Sono le conferme quelle che contano. Una panoramica generale su questa edizione di G. Coti Zelati tratto da www.marzales.it

MARZALE'S HONDURAS

MARZALE’S HONDURAS

È stata un’annata eccezionale per la quantità e la qualità di nidiate e gli animali trovati, nonostante un caldo afoso incredibile, che ha stroncato quei cani che non sono stati gestiti in modo corretto nella preparazione e nella prove. Come al solito non sono mancate le polemiche, sterili e non costruttive, legate al regolamento, in vigore per il secondo anno; si è palesata una palpabile incapacità di dialogare e alcune persone hanno preferito ripiegare sul bieco ricatto, minando l’ambiente e istigando conduttori e organizzatori a boicottare il Saladini. Alla fine ha prevalso il vero spirito dei conduttori di montagna la loro genuinità, la loro semplicità, la loro concretezza, che hanno capito che l’importante è lavorare sodo sui propri soggetti e lasciar parlare i fatti in un confronto sul campo, e che le chiacchiere non portano a nulla, al pari di quelli che i loro soggetti li fanno scendere solo sul web, dove sono naturalmente tutti campioni salvo poi essere i primi a sputar sentenze. Altri, sponsorizzati da un buon marketing, presentati e… dispersi sulle varie cime in costanti fuorimano: non è che la fiducia cieca nel beeper per risolvere problemi di una “ collegata rintracciabilità” abbia la sua responsabilità…..?

Read More

SALADINI PILASTRI 2011 Intervista a G. Coti Zelati tratto da www.marzales.it

 

MARZALES-ANNIBALE

MARZALES-ANNIBALE

Le tue conclusioni generali dopo il Saladini 2011 

Questo è stato il primo anno che vedeva l’applicazione del nuovo regolamento e ad un primo provvisorio bilancio mi pare che la risposta sia stata positiva rispetto alle motivazioni tecniche che ci hanno spinto a prendere questa decisione. Alla fine ha vinto una cagna di sette anni, positiva, indubbiamente cacciatrice, di mestiere e direi che la sua vittoria sia stata giusta, meritata.

Read More

Page 1 of 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi