CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

“CUCCIOLO OGGI, BECCACCIAIO DOMANI” di Franco Subinaghi

La Caccia è il luogo ideale ove convergono i sogni che ogni cacciatore vorrebbe trasformare in realtà. La caccia alla beccaccia è la realtà nella quale convergono i miei sogni, il più bello, emozionante e coinvolgente dei quali è vedere il proprio cucciolo trasformarsi in cane cacciatore e poi in cane beccacciaio; ma per iniziare ciò il cucciolo bisogna averlo – ricevuto o acquistato o figlio di una nostra cagna. I miei sono da sempre setter gordon e/o inglesi, in futuro penso che saranno solo nero-focati, apprezzando moltissimo, sia io che mio figlio Brian, questa splendida razza.

Con la situazione della caccia di oggi e le leggi restrittive in materia di tempi e luoghi per addestrare i cani da ferma, allevare un cucciolo è un atto d’amore, che richiede investimenti di tempo, volontà, passione e denaro (e fortuna) mica da ridere.

Vorrei esternare quattro mie idee sulla scelta dei (miei) cuccioli, che non saranno mai di età superiore a sessanta/settanta giorni, per una questione di imprinting, e affinché abbiano subito in mente chi è il capobranco. Inoltre la loro giovane età non mi permetterà di imputare ad altri i miei eventuali errori in fase di allevamento o addestramento, così come non saranno altrui i meriti per le cose fatte in modo corretto.

Prima domanda: come e dove? O si ha una femmina della quale si è completamente soddisfatti e si può farla coprire da un maschio del quale conosciamo vita e miracoli venatori, e si alleva la cucciolata (sarebbe la soluzione ideale, ma bisogna avere dovizia di tempo da dedicarle) oppure ci si può rivolgere ad un allevatore SERIO nel quale abbiamo completa fiducia (Sandro Doglio, nel nostro caso per i Gordon), i consigli del quale potranno avviare la nostra scelta nella giusta direzione. Alcuni criteri sono per me comunque basilari:

– la scelta di un cucciolo è una faccenda lunga, rimango ore a guardare la cucciolata giocare e correre in cortile, per farmi una prima idea dei cuccioli dotati di un certo caratterino, già dominanti, insomma.

– i cuccioli che accorrono al battito delle mie mani guadagnano già dei punti su quelli che si mostrano indifferenti o, peggio, timorosi (e quindi scartati)

– adoro i cuccioli che, quando la cucciolata sta mangiando, spingono via fratelli e sorelle, denotando grinta e carattere, e quelli che fermano a vista i passeri o le farfalle che si posano in giardino

A questo punto chiedo che vengano separati i maschi dalle femmine, dato che sceglierò una di queste. A parità di carattere e di apparente assenza di timori, esamino le cucciole una per una, prestando particolare attenzione al colore degli occhi, alla presenza o meno di depigmentazioni (assai rare nei Gordon , dove però occorre osservare la distribuzione delle focature, mentre nel setter inglese eventuali depigmentazioni nella zona del muso e degli occhi sono spesso evidenti sin dalla tenera età), all’attaccatura dell’ orecchio. L’intensità delle focature,la lucentezza e lo spessore del pelo possono distinguere un soggetto dall’ altro.

Quando mi sono fatto un’idea precisa e ho ristretto la mia scelta a due/tre cucciole (i Gordon sono molto prolifici, cucciolate di 10 o 12 soggetti sono tutt’altro che rare), chiedo a Sandro un suo parere – mi fido della sua competenza e onestà – poi, con Brian, prendiamo la grande decisione, scegliendone UNA, che sarà la nostra compagna di caccia e di vita per i prossimi anni.

Durante il viaggio verso casa la cucciola starà alternativamente i braccio a me e a Brian, e questa è a mio avviso una fase estremamente importante di imprinting nella vita di un giovane cane che, non dimentichiamolo, subisce un enorme cambiamento di vita nel quale si deve fare di tutto per evitargli traumi di qualsiasi tipo (con buona pace di coloro che si fanno spedire i cuccioli per ferrovia, come ho visto fare a certa gente che conosco, ma che non chiamo amici).

L’arrivo del cucciolo a casa nostra è un momento delicato nonché laborioso: dato che la Jane ha la tendenza ad offendersi e a non “rivolgerci la parola” per un po’, quando introduciamo un cucciolo nel branco, la nuova arrivata entra in braccio a mia figlia o a mia moglie, alle quali la Gordon perdona sempre tutto. Si mostra invece materna e protettiva verso i cuccioli.

La piccola avrà comunque un po’ di tempo per esplorare il giardino, fare conoscenza con i gatti di casa, appropriarsi del patrimonio olfattivo del luogo ove trascorrerà la sua vita. Le due Gordon adulte non hanno problemi ad accogliere la New entry nel canile (misura m. 4 x 10, quindi non mancano gli spazi) né nella cuccia a casetta nella quale dormono tutte insieme.

Una nostra cucciola riceve molte attenzioni: esce diverse volte al giorno dal canile, per girare in giardino, a volte da sola -sotto il nostro occhio vigile – a volte con le adulte; in genere non la portiamo “fuori” in campagna prima che sia stato completato il ciclo delle vaccinazioni. Non esageriamo mai con il gioco “della farfalla” (da noi, ala di beccaccia): una o due volte in tutta la sua vita, giusto per farle una prima foto “porta fortuna”. Generalmente a 4 mesi fa già il “seduta!” imitando le grandi che lo fanno automaticamente quando riportano qualcosa oppure ricevono un biscotto per cani quale premio.

Trovo anche importante che la piccola venga a contatto con persone non appartenenti alla famiglia, in modo che si abitui alla presenza della gente.

Le prime uscite in campagna avvengono sempre in zone pianeggianti, con alternanza di prato e bosco, dove potrà prendere confidenza con una gamma di odori che le diverranno sempre più familiari. Le prime uscite, sino a cinque/sei mesi, la portiamo sempre da sola, senza le grandi: la Legge Regionale lombarda è di grande aiuto, permettendo di addestrare i cani sino a 15 mesi d’età, nel proprio comprensorio di residenza o di caccia, senza limiti di tempo, se non il periodo nel quale si riproducono gli ungulati.

E’ bellissimo vedere una cucciola fermare uno scricciolo fra i cespugli o rincorrere le prime rondini che volano basse annunciando cambio di tempo oppure vedere come torna al richiamo.

Negli anni ho imparato una cosa: è importante “parlare” al cucciolo, per permettergli di assuefarsi alla mia voce da capobranco, ma anche perché, ne sono sicuro, capirà molto più di ciò che noi pensiamo. E molto più di certi esseri umani……

Ho una grande fortuna, venatoriamente parlando: i miei amici mi conoscono e ci stimiamo reciprocamente, per il resto, poco mi importa; quindi non ho nulla da dimostrare a chicchessia, l’unico al quale provo il desiderio e la necessità di dimostrare qualcosa sono io stesso, perciò cercherò di avere sempre cuccioli promettenti per vedere se riuscirò, anche di poco, a migliorare il livello dei miei cani, perché ogni giorno che abbiamo da vivere possiamo imparare qualcosa di nuovo o fare qualcosa di meglio.

 

Previous

IN SCOZIA, CON L’ULTIMA LADY DELLE HIGHLANDS di M. Cervone D’Urso

Next

“ Della Beccaccia, ovvero quattro considerazioni ovvie o stravaganti” di Goffredo de Matteis

1 Comment

  1. Giacomo

    Gentilissimo Sig.Subinaghi,
    sono un giovane ragazzo che quest’anno affronterà la sua quarta stagione venatoria. Appassionato fin da piccolo della nostra nobile arte, mi sono sempre dedicato con molto piacere a seguire le orme del mio caro maestro, che purtroppo oggi non è più tra noi.
    Vede, appena preso il porto d’armi come i giovani rampolli, vogliosi di provare tutti i tipi di caccia , man mano che gli anni scorrevano mi è accresciuta e poi sbocciata una passione, quella della caccia con il cane da ferma, in particolar modo fagiani e beccacce con il Setter inglese.
    Inizialmente non capivo come mai della gente si fissava solo su determianti tipi di caccia,non lo riuscivo a capire, dicevo :”comè possibile!?A me piacciono tutte!”.Oggi ho capito il motivo e ad esserle sincero se per qualsiasi motivo dovessero chiudere la caccia con il cane da ferma, smetterei di andare a caccia. La passione per la regina cresce ogni anno grazie all’apprendere (giorno dopo giorno)del mio giovane setter inglese. Benchè io sia come gli ho fatto appena capire estimatore di questa razza,leggendo i suoi meravigliosi e dettagliati articoli, confesso che mi ha fatto invogliare a farmi (quando me lo potrò permettere)un nero focato. Leggo con molto piacere la rivista “Beccacce che Passione”,proprio in questo bimestrale ho avuto il piacere di leggere il suo articolo, nel quale esterna tutto l’amore per la regina e in special modo a questa meravigliosa razza. Lei a differenza di molti altri narratori venatori, mette in campo la professionalità,la passione,l’amore per la natura e per gli animali ma in concomitanza con tutto la contraddistingue un fattore, che io reputo il primo in assoluto,l’umiltà.
    Il mio maestro era il mio caro zio che aveva un bagaglio venatorio di 72 licenze, mi ripeteva sempre:” caro Giacomo non ti far infinocchiare dalle chiacchere della gente,anche io che sono vecchio ho ancora molto da imparare”.
    Spero di non averla annoiata.
    Con stima,
    un cordiale saluto.
    Giacomo Ciuffoletti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi