CACCIATORI DI MONTAGNA DI BECCACCE E DI BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

EMOZIONI DIPINTE: Caprioli al foraggiamento

Il foraggiamento deve essere un mezzo per migliorare la qualità dei caprioli e non per aumentare la quantità degli stessi!

Il fieno deve essere di buona qualità, ben conservato e tagliato sul posto o in zone simili (ad esempio, in montagna non si deve distribuire fieno di pianura!) e distribuito in ampie greppie a rastrelliera.

 

 

Le somministrazioni “dirette“ alle foraggere comprendono barbabietole da zucchero, mele, avena, mais, ghiande, topinambur e mangimi bilanciati.

Tali somministrazioni iniziano a metà ottobre e proseguono fino a quasi la fine di aprile, nel periodo di ricostruzione del trofeo e del rapido sviluppo dei feti.

Ciò indipendentemente dalla quantità della neve, perché devono apportare qualità e non quantità.

Spesso, purtroppo, la Forestale esercita la gestione dei boschi senza tener conto delle esigenze della selvaggina, praticando la  monocultura di abete rosso e pulendo il sottobosco per timore di incendi, così arrecano un notevole danno al biotopo capriolo. Anche il periodo del taglio delle piante ha notevole importanza: se viene eseguito in tardo autunno-inverno, gli alberi abbattuti e lasciati sul posto per un certo periodo forniscono un ottimo integratore naturale del pascolo invernale (soprattutto l’abete bianco è molto appetito dai caprioli, camosci e cervi).

Occorre non dimenticare il sale; è molto utile metterlo a disposizione durante tutto l’anno in apposite saliere.

Si può usare il sale pastorizio in rulli, il sale marino (il comune sale da cucina), misto in parti uguali con l’argilla, e pure il salgemma in blocchi.

Il sale apporta necessario completamento nutritivo al metabolismo del capriolo, lo fa bere di più, cosa molto utile in inverno quando il selvatico assume molto cibo secco e fibroso, facilitando processi digestivi quelli di formazione delle corna.

Fulvio Ponti  –  Il Patrimonio Capriolo  –  Carlo Lorenzini Editore, 1992 

Previous

EMOZIONI DIPINTE: La lepre

Next

A chi mi chiede…

1 Comment

  1. Silvano Mattedi

    Foraggiare e salinare è un assurdo biologico e gestionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi