14224824_124031848051407_1608022822350802459_n

L’Andalusia è una terra di fascino e suggestioni , in cui si mescolano e si intrecciano varie culture, con la sua magia nella atmosfera e le sue note di colore si riconferma Cinofilmente luogo di elevato valore per le prove primaverili a coppie su pernici. Condizioni climatiche non sempre ottimali ci accompagnano nei giorni di prove, terreni di Marchena e Osuna con frumento basso, con le rosse ancora prive della loro casa per deporre famiglia , le vedi girovagare fra ulivi e arati , a volte riunite  ancora in branco . Jerez de la Frontera,  terreni con vegetazione più alta e maggiore presenza di coppie di pernici innamorate nel verde oceano di Trigo, condizioni climatiche con ventilazione forte e acqua, che porta alla sospensione di una giornata di prove. Una infinita marea di cani presenti al confronto, provenienti da tutta l’Europa Cinofila , compresa la Russia.

Condizioni che elevano le difficoltà di queste prove, confronto zootecnico duro, per uomini e cani.

L’Andalusia è Flamenco, che significa gitanti, sudore, fatica , sofferenza, luci, atmosfera inebriante, piacere da assaporare, divertimento e soprattutto cultura. Le prove  di questo anno corse in terra Spagnola hanno molta similitudine all’antico canto roco scandito dal rumore dei tacones dei ballerini. Giornate di prove ardue, confronto con le rosse Andaluse (Gitanti) quasi intrattabili, lavoro gravoso dei cani per bloccarle a terra (sudore , fatica, sofferenza), terreni immensi dove il “Baile” dei cani alla ricerca della Roja di Andalucia avviene come una danza solistica dove lui e il coreografo della propria esibizione (atmosfera inebriante, piacere da assaporare, divertimento), e dove la Cultura, in questo caso Cinofila,  deve essere conservata, per ricordarsi le origini del cane da ferma. Nelle difficoltà i mediocri non hanno vita facile, solo i migliori emergono in queste situazioni.

Le difficoltà ambientali riscontrate nelle prove hanno assottigliato  le classifiche nelle giornate difficili, dove dea fortuna ha abbandonato i meno probanti, e dove solo i Joaquìn Cortès hanno diritto a questo importante palcoscenico.

In queste condizioni ho avuto il piacere di gustarmi un soggetto di valore.

Amy ………pointer maschio condotto dallo Spagnolo Gomez, l’ ho giudicato nella nota Busca de Caza.

Soggetto dal galoppo elevato, ottima la spinta, esprime potenza nella traslazione che gli fa superare facilmente il terreno allentato, ha una meccanica di galoppo già buona.

Cane esperto, che conosce terreno e selvaggina da reperire, evidenzia nel suo lavoro venatorio le alte note richieste da questo concorso, nel cacciare le pernici in terreno aperto, svolgendo una cerca di coraggio, sempre nel vento, capace nel sapere selezionare le zone di possibile ricetto di pernici rosse in terreni non omogenei, rapido, deciso e pulito nel risolvere quesiti olfattivi e congiunto al proprio conduttore.   

Ha le capacità di realizzare due punti di qualità per estrema decisione nella presa, con reazioni violente  nella chiusura  di emanazioni, guidate nervose nel mantenere il contatto al selvatico . La sua conduzione risulta essere in sintonia con le note richieste da questa attività venatoria, perfetto feeling fra conduttore e cane, nessun intervento rumoroso per non allertare le celeri e energiche pernici pronte a sottrarsi di pedina. Per quattro giornate consecutive è il primo ballerino della Andalucia, andando ad aggiudicarsi 4 CAC divenuti 2 CACIT e una riserva di CACIT nella verifica internazionale.

Olè, Olè.

Mantegari Vanni