Il mio grande amore fra le cacce alpine, come il Re forcello ho amato solo la beccaccia. Quanto storie, avventure, indimenticabili episodi ho vissuto cacciando per un trentennio, con i miei gordon e i miei inglesi, questo meraviglioso selvatico fra lariceti ammantati di fitti mirtilleti, fra i quali crescevano selvaggi sorbi montani dalle bacche vermiglie, o fra drose e rododendri celanti, qua e là, esili vene d’acqua cristallina alle quali i cani si dissetano avidamente. Galli che rugolano sulla cima d’un larice lontano, nelle giornate di nebbia. Galli che s’involano a tre tiri di schioppo quando un velo di neve fresca rende troppo visibile il tuo incedere e quello dei tuoi cani. Galli che s’impigriscono nel tepore del meriggio ottobrino, ingozzandosi di mirtilli nero-bluastri, e si lasciano fermare dal gordon il quale, col suo incedere prudente, li sorprende in piena pastura… bloccato sotto una ferma inesorabile, il vecchio gallo regge
a lungo la ferma là, sotto i due giovani larici che crescono stretti a una roccia coperta di muschio verde scuro, poi s’invola fragorosamente, velocissimo, in un’orgia di neri e di bianchi, cade di schianto e vien giù pesantemente, sbattendo contro un ramo di quel larice che, per qualche attimo, continua a dondolare…
Lo ammiri a lungo, posato sullo zaino, il tuo sguardo non riesce più a staccarsi dai riflessi blu scuro sul nero del petto, dal bianco abbagliante degli specchi alari, dal rosso carminio delle grandi caruncole, dalla curva perfetta di quelle penne della coda a lira… Il primo desiderio che provi è quello di…dipingerli, per fissare sulla tela, per sempre, tale e tanta bellezza, prima che appassisca…