CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Sono Gastone Puttini, nipote del grande allevatore cinofilo Gianni Puttini, titolare del Canile di Cerea

_DSC4677Sono Gastone Puttini, nipote del grande allevatore cinofilo Gianni Puttini, titolare del Canile di Cerea addestratore professionista di cani da caccia da ferma; nonché cacciatore.

Gli incontri sono opportunità a coglierne i significati. L’uomo pensa e sogna, a volte pensieri buoni a volte anche sogni buoni. Quando ritengo che i miei pensieri e sogni sono buoni, li scrivo per ricordarli. Non voglio mettermi in cattedra ma se siete d’accordo e approfittando della vostra disponibilità vi sottopongo i miei pensieri e i miei sogni.

E’ doveroso, secondo me, che chi ha vissuto a lungo accumulando esperienze e un po’ di saggezza dia messaggi utili.

Ho vissuto una vita ad educare cani per la caccia e preparare cani per le prove, non solo in Italia.

Un lavoro molto impegnativo, sovente sofferto, ma intenso di soddisfazioni e di emozioni.

Caro amico, la caccia in Italia sta perdendo interesse. L’opinione pubblica ci considera quasi “terroristi”.

Nell’evoluzione mondiale noi cacciatori non siamo stati in grado di cambiare e di adeguarci ai tempi, non abbiamo rinnovato o trovato regole nuove per andare di pari passo con le situazioni.

Il cacciatore deve aggiornarsi e vivere questa meravigliosa passione in tutt’altra ottica.

Il carniere non deve essere il significato più importante; dobbiamo vivere questa passione con nobiltà d’animo, trasformando le uscite a caccia come fossero una bella passeggiata in compagnia del proprio cane, ben educato, per la sfida all’incontro del selvatico che suscita profonda emozione e trasforma la trasferta in uno dei più ambiti relax con beneficio fisico e spirituale.

Il sogno da realizzare è che nel comprensorio di ogni comune vengano designate zone adatte, interdette alla caccia cacciata e in dette zone gli appassionati del posto con il contributo delle associazioni gestiscano l’ambiente, come in un bel giardino, coltivando la selvaggina d’allevamento, cosicchè il selvatico a poco a poco si irradii nel restante territorio.

Il cacciatore così facendo riscatterebbe la stima dell’opinione pubblica.

Nelle zone riservate, con l’appropriato regolamento e nel dovuto rispetto dell’ambiente e dei tempi, si andrebbe a praticare la caccia fotografica col proprio cane.

Così si creano adeguate palestre per educare e aiutare a crescere venatoriamente il proprio cane.

In più, dette zone saranno l’ideale per svolgere le prove di caccia per cani, prove importantissime per indicare i campioni nell’importante selezione delle razze canine.

In tutte le restanti zone si eserciterà la caccia controllata, sulla base del calendario venatorio, con mirate limitazioni di abbattimento, proteggendo, ad esempio, la femmina del fagiano; ciò esiste da sempre in quasi tutti i paesi d’Europa.

Tutto ciò, a mio modesto avviso, nobiliterebbe l’esercizio della caccia in Italia e andrebbe sicuramente a stimolare la curiosità per favorire l’interesse di giovani ad avvicinarsi ed entrare in questo mondo meraviglioso, per vivere una passione utilissima e benefica, ribadisco, benefica fisicamente e spiritualmente.

Un modo per interpretare, capire, amare la natura in tutta la sua bellezza.

In ogni comune gli appassionati si riuniranno formando dei club, dallo spirito sportivo, per fare e avere giusta informazione, scambiarsi le idee, raccontare le proprie esperienze per avere riscontri, arricchendo così la propria cultura cinofila e venatoria.

Caro amico, questi i miei pensieri e i miei sogni, aperti a critiche costruttive e sperando nell’eventuale passaparola.

Gastone Puttini

Previous

HANNO VINTO I “LUPOFILI” Ed è stato sconfitto il LUPO! di Franco Zunino

Next

MORTE ACCIDENTALE DI UNA BECCACCIA

1 Comment

  1. enrico ferrari

    tutto bello cio’ che dice il maestro puttini.sto’ provando in tutti i modi(ass.venatorie,ministero ambiente,atc.)a far attuare una politica che porti all’apertura di zone cinofile nel lazio.ogni volta che vai a parlare con qualcuno sembra di sbattere contro un muro di gomma…..nn si riesce a capire xche’ e’ cosi difficile attuare questo progetto.se qualcuno puo’ aiutarmi ne sarei felice.Enrico Ferrari Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi