CACCIATORI DI MONTAGNA DI BECCACCE E DI BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Il bacio di Diana di Silvio Intiso

1919314_1277966662675_5972548_nLe sue orecchie sensibili avevano sentito l’avvicinarsi dell’uomo nell’oscurità. Pochi flebili suoni bastarono ad immobilizzare il piccolo che, scimmiottandola, piluccava formiche e coleotteri tra i fili dell’erba bagnati nella raduna circostante. Correndo a gambe flesse distesa in tutta la sua altezza raggiunse dei cespugli di ginepro al limitare del bosco mentre il piccolo, arrancandole dietro, pur avvertendo nel tepore del corpo materno tensione e paura, le si rifugiava tra le gambe traendone immediato conforto.


Da sola si sarebbe allontanata silenziosamente di pedina ma gli scarupi del bosco, intrigati da mille impacci, e le corte e deboli zampe del figlio implume, la fecero optare per una attesa di eventi nel mimetismo dell’immobilità. Il capriolo brucava goloso i germogli e i fili d’erba ancora umidi ai confini della raduna.

Sua madre, in tempi remoti, gli aveva insegnato i pericoli delle zone aperte e lui si spingeva in quella tagliata solo con la sicura protezione del buio.

L’umano già da lungo tempo non produceva rumori ma lei ne avvertiva la presenza minacciosa nel crepuscolo della raduna. Inoltre nell’ultimo quarto d’ora un nuovo rumore veniva a complicare la situazione rendendola ancora più nervosa. Nel risveglio della natura adesso percepiva distintamente dal profondo del bosco l’avvicinarsi di un grosso animale che, quantunque la sua esperienza lo presentasse come non pericoloso, avrebbe potuto obbligarla a spostamenti dannosi per loro difesa mimetica.

Avanzava, ruminando le foglie, e annusava a scatti i rifoli del vento cercandoci eventuali presenze ostili. Poco prima, a onore del vero, un vago e strano odore confuso nell’umidore del bosco, pizzicandogli ad un tratto le nari, l’aveva immobilizzato sospettoso per parecchi minuti ma, tranquillizzato dal canto delle cinciallegre che svolazzavano tra gl’alberi, aveva deciso di completare la sua colazione con quel tenero trifoglio selvatico che lui sapeva crescere tra i ginepri della raduna. Guardingo si avviò in quella direzione e quasi subito i suoi occhi allenati videro le due minuscole creature, l’una tra le gambe dell’altra, accovacciate davanti a lui.

In un istante il linguaggio universale dei loro corpi gli spiegò il perché di quella strana posizione e un messaggio di tensione-pericolo gli lampeggio nel cervello. Capì e quello fu l’unico momento che ebbe realmente paura. Un forte colpo alla spalla lo sollevò di peso mentre uno schianto immane gli stordiva l’udito annebbiandogli la vista. Più per riflesso che per decisione cercò di scappare tentando alcuni passi sulle gambe diventate stranamente pesanti ma invece cadde e senza capire cosa gli stava accadendo, come atto finale al suo ciclo di vita, spirò stendendo le gambe.

Lo schianto di un grosso martello battuto violentemente su una lastra di cristallo frantumò l’aria dell’alba assordandomi mentre sentivo il rinculo dell’arma contro la spalla. Il maschio di capriolo sobbalzò di lato come spinto da una mano invisibile e accennati alcuni passi, come ubriaco, crollò di schianto tra il sottobosco vicino ad una macchia di ginepri.

A circa cinquanta metri di distanza nella mia postazione, mi alzai ancora frastornato sgranchendo le gambe anchilosate e mentre nelle orecchie l’eco dello sparo naufragava nelle onde di un pulsare sordo colmo di adrenalina, mi incamminai verso i ginepri dove era caduto contando i passi per calcolare la distanza del tiro.

All’esplosione sussultò. Terrorizzata ricordò quei rabbiosi sciami fischianti che inseguivano i suoi voli dopo lo sfrullo e il bruciore provocato dai loro morsi. La muta incompleta del piccolo, gl’impacci del terreno, l’avvicinarsi dell’umano col bastone tuonante si associarono nella sua testa facendola temere per le loro vite ma in quel momento tanto drammatico dai banchi della memoria genetica, il forte l’impulso di protezione della prole e della specie risvegliò in lei il ricordo degli insegnamenti materni, Immediatamente seppe cosa fare.

Rinsaldando la presa delle gambe intorno al corpo del piccolo, piegó in avanti la testa immobilizzandolo con il lungo becco e focalizzati gli occhi su una visione a 360 gradi, tese tutti i muscoli inarcando a ruota la coda. Il capriolo era ancora immobile quando, allungato il cinquantaduesimo passo, mi chinai trepidante per accarezzargli il trofeo….e le foglie morte del sottobosco esplosero precipitandomi incontro. Allibito in quella posizione dalla sorpresa vidi un lungo becco emergere a pochi centimetri dal mio naso. Scansai la testa di lato mentre la beccaccia, sfiorandomi la testa e volando ad altezza d’uomo, si andava a rimettere con acute strida, in un brutto di rovi ad una quarantina di metri. Finalmente mi alzai.
Ancora irretito dalla velocità degli eventi e cercando disperatamente di diminuire al contempo la pressione delle mani sul fucile e il tasso adrenalinico nel mio cuore, lasciai che il cervello rievocasse le immagini di quegli ultimi istanti. Rividi il vigore dei movimenti nel volo di quella madre coraggiosa con quel minuscolo corpo giallo striato di bruno stretto saldamente tra le sue gambe. Le esili zampe del piccolo tenute raccolte contro il corpo e la sua testa girarsi fino a che i suoi occhi neri e profondi incontrarono i miei. Per qualche istante, lui preda ed io predatore, ci osservammo entrambi attori del grande e misterioso disegno che madre natura ci riservava.

Ancora oggi quell’impalpabile carezza d’ala sulla mia guancia mi ricorda un furtivo contatto di labbra e mi trastulla pensare che Diana, con un pudico bacio, premiasse la devozione di questo suo indegno seguace.

Previous

La fenomenologia di Orlando Fabbri allevamento Radentis

Next

BECCACCE DA CORSA di Orlando Fabbri

1 Comment

  1. Caro Mirco, Intiso me l’aveva mandata a suo tempo e l’ho tenuta fra le molte testimonianza valide, ma purtroppo mai supportata da fotografia!

    Comunque molte grazie e in bocca al lupo

    Silvio Spano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi