CACCIATORI DI MONTAGNA DI BECCACCE E DI BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Il trialer beccacciaio: valutare il cane da caccia su beccaccia da redazione Caccia Passione

Help della Trabaltana

E’ possibile dare la caccia alla regina dei boschi in compagnia di un trialer proclamato o meno? Una delle risposte possibili a questa domanda, forse la più giusta e semplice sarebbe: “non solo si può, ma di deve”. In tanti parlano di trialer e in pochi sono in grado di descrivere una creatura tanto bella e tanto complessa. Che sia proclamato o meno, il trialer, quello vero, lo riconosci esclusivamente sul campo di gioco, e quando si parla di caccia e beccacce il campo di gioco è inevitabilmente il bosco. Non tutti lo fanno, ma sarebbe buona cosa, piuttosto fruttifera per il cacciatore, associare all’idea di bosco, di caccia e di beccaccia quella di trialer.

D’altronde il trialer, anche quello potenziale è una manna dal cielo quando si sceglie di dare la caccia a selvaggina selvatica per davvero, ad oggi una vera e propria rarità. Sono le sue doti intrinseche a fare di questo cane un vero e proprio specialista, un superbo cane da bosco e da montagna. Se hai il sospetto d’avere accanto un trialer beccacciaio ecco qualche dritta per riconoscerlo.

La passione. E’ propria di un qualsiasi ausiliare ma in un trialer beccacciaio la passione non può davvero mancare. D’altronde un cane da caccia senza passione per il bosco e per il suo lavoro è un cane a metà: potrà pure possedere tutte le qualità del mondo, ma non potrà mai rendere quanto un trialer da beccaccia appassionato. E’ la prima cosa da cercare in un cucciolone: senza non si va avanti. D’altronde è proprio la passione a spingere avanti il cane anche quando ci sarebbero tutte le ragioni per rinunciare. Un cane appassionato fa qualche altro passo, cerca per qualche altro metro, e di norma è questo il momento nel quale incontra la sua regina. La cerca di un cane appassionato è una cerca ardente, che non teme fatica, che non si demotiva mai. La passione inoltre consente di dimenticare la fatica, il dolore, o la stanchezza e tutti i disagi di alcune estenuanti giornate di caccia. Un trialer appassionato è facilmente riconoscibile: ha una insaziabile smania d’incontro e fa di tutto perché questo avvenga, dovesse esplorare i terreni più impervi o gli angoli di bosco più remoti.

Il temperamento. E’ diverso da ausiliare ad ausiliare, ma deve esserci e avere qualità particolari. Trovare due cani dotati di medesimo temperamento è molto difficile, praticamente impossibile, esattamente come trovare due uomini con il medesimo carattere è una rarità. Il temperamento si riconosce subito, fin da quando il cane è cucciolo, fin dal primo addestramento. Il cane si potrà dimostrare caparbio, permaloso, audace o timido e questo sarà il modo nel quale si relazionerà per sempre con il mondo e con il cacciatore. Quando parliamo di trialer da beccaccia il buon temperamento è l’unico possibile. Un cane dal buon temperamento è un cane ubbidiente, un cane che impara in fretta, che non se la prende per i rimproveri ma li sa mettere a frutto, un cane che si dimostra capace, fin da subito di instaurare una grande complicità con il suo compagno, il cacciatore. Solo in questo modo sarà possibile avere il controllo sul cane. L’assenza di un temperamento pacato e buono renderà inutili tutte le altre doti visto che per il cacciatore sarà praticamente impossibile relazionarsi con il cane.

L’intelligenza. Un trialer da beccaccia non è solo un cane appassionato e dal buon temperamento, ma deve essere anche e necessariamente un cane intelligente. E’ naturale, tutte le intelligenze sono diverse e le si dimostra in modo diverso, ma una cosa è certa: se il cane è intelligente lo si nota da subito, fin da cucciolo. E il modo migliore per intuire l’intelligenza del nostro cane è quello di portarlo nel bosco, a caccia. L’intelligenza è indispensabile per un trialer beccacciaio. Gli consentirà di trarre tutte le informazioni possibili dagli incontri con il selvatico, di comprenderlo, di accumulare esperienza che nel breve periodo gli sarà indispensabile per diventare un asso della caccia. L’intelligenza lo aiuterà ad adattarsi a molte situazioni complicate e difficili, ad imparare in fretta in fase di addestramento e ad instaurare una collaborazione fruttifera, fin da subito, con il cacciatore. E ancora: sarà in grado di familiarizzare rapidamente con il bosco, sarà in grado di riconoscere fin da subito, grazie al suo bagaglio di esperienza accumulata, il luogo migliore per un incontro, saprà scartare a priori zone che probabilmente si dimostrerebbero prive di selvaggina. Insomma un cane intelligente passa sempre dove c’è la beccaccia e non si tratta mai di fortuna. Si tratta di un cane che può anche sbagliare, ma in grado di imparare dai suoi errori: si rende conto presto dello sbaglio ed è in grado di sistemare la situazione in pochi momenti.

Il collegamento con il cacciatore. A questo punto l’ultimo dettaglio che può fare del tuo animale un trialer beccacciaio a cinque stelle: la complicità che lo lega a te. Il cane deve essere legato al proprio cacciatore come da un elastico visto che una cerca ampia, completamente slegato dal suo amico a due zampe, sarebbe inutile. D’altronde quella alla beccaccia è una caccia particolare, difficile, e il collegamento richiesto fra cacciatore e cane è notevole. Nessuna necessità di urla, fischi o richiami affannosi: un trialer beccacciaio saprà quando è il momento di tornare dal suo cacciatore. Certo, trovare un setter o un pointer che esprimano tutte queste caratteristiche non è certo facile, ma se lo hai trovato, tienilo stretto, al guinzaglio hai un tesoro.

Previous

Cosi è il TRIALER….se vi pare !! di Giuseppe Coti Zelati allevamento Marzale’s

Next

BECCACCIA, AMORE MIO! (da una confidenza di Stefano Mentoni) Il grillo saggio tratto da “il tiro”

5 Comments

  1. Guglielmo Anastasi

    Sslve, mi scusi ma perché un cane del genere lo chiama Trialer, seckndo lei i cani beccacciar non Trialeri come dovrebbero essere??? Cordialità Guglielmo Anastasi

  2. Franco

    Buonasera, in primis vorrei rispondere al Sig. Domenico sul trialer…. all’uomo per essere qualcuno può bastare il solo cervello. Al trialer,per esserlo veramente,occorrono armonia di doti fisiche e morali, Ora rispondo al Sig. Anastasi… il problema è che ci sono pochissimi cani trialer da beccacce e pochissimi giudici in grado di giudicarli…quando vedono un soggetto del genere la prima parola che ho sempre sentito è…….il cane è su un ungulato….meglio lasciarli nel loro brodo così da non avranno mai in mano un trialer. Saluti Franco

  3. Salvo

    Perfettamente d’accordo su tutte le caratteristiche che deve avere il cane da caccia specialista per le beccacce.
    Ho avuto la fortuna che ancora oggi perdura di avere cani con queste caratteristiche.
    Non capisco perché considerarlo “trialer” che nel mio modo di vedere è un’altra cosa.
    Il cane che ha le caratteristiche riportate nell’articolo è un “gran cane specialista nella caccia alla beccaccia” il “trialer” lo lascerei a chi preferisce avere cani da prove a grande cerca che poi, secondo la mia modesta e forse discutibile esperienza, a livello “caccia” lascia spesso gravi dubbi. Collegamento nel trialer? spesso macchine da corsa e da risultati nella caccia solo per alcuni e quasi sempre con il satellitare. Ma questa è caccia, soprattutto se ci riferiamo alla beccaccia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi