CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Lo specialista a beccacce (parte 1): quello che le ritrova

Quanti “mostri da quagliodromo” avete visto in vita vostra? Quanti ausiliari preparati meccanicamente per le classiche o per le attitudinali, spacciati dai loro proprietari o conduttori come “grandi cani da caccia”, magari proprio “grandi cani da beccacce”? Certamente anche fra i cani da prove, specialmente quelle su selvaggina naturale – ma che sia davvero naturale, però! – esistono ottimi soggetti per la pratica venatoria, mescolati a robot artefatti dalla mano e dal collare elettrico: tuttavia, un conto è reperire la coppia di starne a 500 metri dal conduttore in mezzo a un tavolo da biliardo multicolore quali sono, appunto, i terreni della Polonia o della Serbia; ben altra cosa è inventarsi e “inchiodare” una Regina imbirbita di gennaio, avvezza al disturbo del cane e dell’uomo, padrona del suo territorio e per questo leggerissima.

Ebbene, cari lettori: solo il cane in grado di farvi mettere nel carniere quella Regina lì può essere a pieno titolo definito “specialista”.

Tempo fa, su questa stessa rubrica, illustrai le differenze fra il cane che ferma le beccacce e il cane realmente beccacciaio, che per essere tale deve necessariamente possedere tre requisiti fondamentali: senso del selvatico, intuizione della rimessa, individuazione della stessa nel giro di pochi secondi e nuova ferma su beccaccia appena posatasi. Appare chiaro, oggi come allora, che il semplice “fermare una beccaccia” non ha nulla a che vedere con l’essere beccacciai.

Come noto, infatti, l’odore della beccaccia è talmente violento che qualsiasi cane è in grado di avvertirlo: dai tartufai ai cinghialari, a tutti i frequentatori della natura in compagnia di un qualsiasi cane da lavoro capita di involare almeno una beccaccia durante la stagione, con annate caratterizzate anche da numerosi incontri fortuiti. Lo stesso vale per chi bazzica siepi e boschetti alla ricerca di fagiani o rallidi, magari “stabellando” questa o quella azienda venatoria, e si imbatte ogni tanto nella Regina. Tutte belle sorprese, per carità: ma niente che possa far paragonare i propri ausiliari ai veri “beccacciai”.

Oggi si parlerà del primo dei tre requisiti di cui sopra, indispensabili a un cane da ferma per raggiungere tale, magnifica onorificenza venatoria: vale a dire il “ritrovare” la beccaccia. Infatti avventare, filare e bloccare l’emanazione della Regina che si è rimessa nella macchia sul far del giorno e lì è rimasta per ore, lombricando e defecando, ovviamente non basta: troppo semplice. Il vero specialista, colui cioè che la beccaccia ce l’ha nel cervello oltre che nel naso, è quel cane che sarà capace, una volta involata la beccaccia per la prima volta, di ritrovarla e fermarla anche a distanze molto, molto importanti.

E’ evidente come sussista una differenza notevole tra l’effluvio emanato da una beccaccia che ha pasturato per ore e ore in un unico luogo e quello della Regina che, appena rimessasi, chiude le ali e rimane immobile, poiché innervosita dal recente disturbo subito da uomo e ausiliare. Ebbene, il cane che ha messo al servizio delle zampe naso e cervello si esibirà in una ferma morbida, delicata, leggerissima al primo avvertimento olfattivo, indicando al proprio conduttore che “sì, ecco, ci siamo quasi”. Seguirà una guidata più o meno lunga, a volte lunghissima anche oltre i 100 metri, a seconda se la beccaccia sia rimasta nel punto d’atterraggio o abbia cominciato a pedinare, pratica molto comune durante le ultime settimane di caccia.

Ad ogni modo l’azione del beccacciaio sarà sempre e comunque molto lenta, guardinga, circospetta, a seconda dei casi aiutata anche da un leggero batter di coda – con buona pace dei puristi da libro dei sogni – prima di una probabile, nuova ferma, stavolta più solida ed espressiva. Il cane ha recuperato la lenza invisibile che lo separava dalla sua beccaccia, e ci sta dicendo che siamo proprio alle battute finali, che ora serve il guadino a piombo – il fucile – per catturare l’oggetto dei desideri. Poi l’involo, quasi sempre diversi metri davanti al cane, quasi mai di lato e assolutamente mai dietro il sedere dell’ausiliare. Altrimenti non siamo in presenza di un beccacciaio. Istruzioni d’uso per il bipede: compiere qualche passo in avanti, di fianco al cane, anticipandone il lavoro per quanto possibile per lo meno durante le battute finali, piazzandosi cioè in maniera favorevole e soprattutto cercando di fare meno casino possibile.

Sono questi cani qua, questi morbidi prestigiatori, che consentono ai cacciatori specialisti di riempire il carniere anche durante gli ultimi giorni di dicembre e il mese di gennaio, quando le beccacce sono furbe, smaliziate, padrone dei luoghi di svernamento in cui le si caccia ma anche, ed è giusto che sia così, ben nutrite e forti. Quei “fantasmi alati” che gli altri non vedono mai e che raramente sentono frullare nel fitto del bosco, diventano gli esami finali del cane beccacciaio e del suo conduttore, anch’egli specialista.

Agli altri cacciatori e agli altri cani, ugualmente degni di rispetto, un sorriso di simpatia insieme alle delizie tipiche della caccia generica. A presto per l’analisi del secondo dei tre requisiti del cane beccacciaio!

Già pubblicato su http://www.bighunter.it/

Daniele Ubaldi

Previous

RIPRODUZIONE 2019 DELLA BECCACCIA

Next

EMOZIONI DIPINTE – Il Tacchino selvatico

4 Comments

  1. Silvano Mattedi

    Tutto bene salvo il fatto che nelle aree di svernamento, per definizione, non si può cacciare. E’ un ossimoro e un controsenso biologico e gestionale.

  2. enrico

    a voi scrittori di grandissimi quanto rari cani super beccacciai, ma voi li avete magari solo visti questi cani, ne avete solo sentito parlare, oppure li possedete anche, perche’ io sono curioso di vederli all’opera , magari in coppia con altri cani da me conosciuti ed in posti che frequento o perlomeno che assomigliano a quelli da me frequentati.

  3. GIULIANO RIZZI

    Coloro che vivono di certezze e non hanno mai dubbi, non vivono, esistono.

    (Romano Battaglia)

  4. Andrea

    Buonasera. Sono concordissimo su quanto detto da Daniele in merito, al cane specialista beccacciaio. Io che ho avuto la fortuna di possedere soggetti che sono vissuti fino a eta avanzata,’ dandomi tutta la loro esperienza ,vicende come senso del selvatico, mentalita’, subito sulla rimessa, e episodi a volte sbalorditivi , come se il cane conoscesse quella beccaccia e cosi ‘ trattarla di conseguenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi