CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Luciano Roncalli – Opera Poetica

Nell’estate 2010 ebbi in dono da Sandro Roncalli Benedetti, questo impegnativo volume che raccoglie l’opera poetica di Luciano (nato a Castel di Lama- AP- nel 1925) dovuto all’affetto dei fratelli Aurora, Anna, Enzo e Sandro.

Lungi da me la presunzione di scrivere una recensione dell’opera, ampiamente esaustiva nell’introduzione di Umberto Silva e presentata ad Ascoli ed a Castel di Lama dal dr. Adriano Sansa, magistrato e poeta, ex sindaco di Genova e dal prof. Stefano Verdino, ordinariodi letteratura all’Università di Genova, città dove Roncalli si era laureato e aveva svolto gran parte della sua professione di medico (fu a lungo primario ortopedico all’Ospedale S. Martino), e dove infine morì nel 2004.

Credo sia doveroso,oltre che culturalmente formativo, scriverne un semplice pro-memoria, ovviamente dal nostro punto di vista di innamorati della natura e della caccia, anche in ricordo del nostro primo presidente onorario Enrico Roncalli Benedetti, suo Padre, di cui Luciano ebbe a scrivere “ …per tutto il mio tempo fino alla laurea in medicina, lo accompagnai ovunque: ancora in palude, a beccacce sul Gargano, a coturnici in Aspromonte, sempre con i suoi formidabili cani. E quei giorni sedimentati dentro di me rappresentano una parte bella e formativa del mio carattere e da essi, ancora oggi, si sprigiona un sottile incanto…Con il tempo, crescendo fisicamente e nell’animo ed essendo aumentato il mio discernimento, arrivai a concludere che anche egli su quei terreni di caccia era totalmente felice e che quella fosse la sua vera dimensione, mentre nell’altra, quella della vita quotidiana, egli, pur assolvendo molto bene a tutti i suoi doveri, si trovasse come in esilio”.

Questa ponderosa opera poetica (550 pagine), a volte “difficile” per me, a volte tenerissima, ti prende come una mano nelle viscere e ti stringe il cuore!

Tra le profonde pareti incomprensibili –e comunque diverse- si aprono spiragli vividi, sereni e lucidi di momenti che riconosco fino in fondo, non solo negli scorci di Genova, che ho vissuto io stesso, ma anche nelle soste di caccia, con bracchi e pointer, con beccaccini e allodole a musicare il cielo.

Ci sono sempre questi ricordi-speranze nel diluvio grigio di tanti pensieri, che danno una spinta a risalire ricordando…..

Stralcio, di seguito, dalla poesia “Lettera al fratello minore” alcuni versi emblematici di un suo ricorrente stato d’animo, spesso in risonanza con il nostro:

“Nostro padre morirà

tutti morremo ragazzo mio

aprile tornerà con i suoi fiori

e ottobre con un rossastro colore

l’allodola cantando

si spegnerà di nuovo nell’azzurro

noi continueremo il suo sport virile

con lo stesso vivace appetito

un tiepido ottobre sotto di noi

sarà la valle un fazzoletto variopinto

ci sarà poi altro tempo per il dolore

per gli oscuri presagi

accosciati tra le felci mangeremo pane e olive

bevendo un vino gagliardo

ci sarà il fumo delle carbonaie

la vivida intelligenza negli occhi di un bracco

l’odore antico della montagna

i cari morti solo una memoria serena

sarà vita non altro che quella vita

non simbolo né presagio solo quel senso

il canto delle coturnici

irraggiungibili sulla roccia più alta.”

La disponibilità del volume è attualmente esaurita, ma è nell’animo dei Fratelli di farne ristampa che sarà nostro impegno segnalare per chi volesse approfondire la conoscenza di quest’ anima grande e tormentata.

                                                                                            Silvio Spanò

Previous

“Il cane da beccacce” di GianGaetano Delaini

Next

IL RITORNO IN RUSSIA (PRIMAVERA 2012)

1 Comment

  1. DANIELA BARILLARI

    all’eterno fluire della vita e della morte viene dato un senso dal ricordo nitido di attimi di profonda condivisione di sensazioni ed immagini legate all’amore per il padre, alle battute che non erano di caccia, ma di scoperta di una montagna VIVA, di nebbie lievi e odorose di felci, di montagne sulle quali si annidavano le irraggiungibili coturnici, alle carbonaie, ad una terra, virile e poetica che racchiude in se il senso della vita.
    ho avuto l’onore ed il piacere di conoscere il prof Roncalli Benedetti.
    ero molto giovane e conservo nei suoi confronti una gratitudine profonda per avermi fatto conoscere la vera poesia, anche quella a lui cara e per me momentaneamente incomprensibile dei poeti ermetici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi