CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Primo quadro dalla Russia

In seguito ad una mia richiesta esplicita, con la solita gentilezza e tempestività l’amico Sergey Fokin capo del Gruppo di ricerca sulla Beccaccia di Mosca, il 24 giugno u.s. mi ha risposto queste prime notizie cui ne aggiungo altre due (Silvio Spanò)

Caro Silvio,
Abbiamo avuto una primavera assai secca nella Russia Centrale. Giugno è stato caldo e secco. In foresta manca l’umidità e il terreno è asciutto. Le beccacce sono arrivate un po’ prima della norma. La croule è stata buona, le beccacce erano più numerose del solito.

Il tempo per il periodo di schiusa e per l’allevamento dei pulcini è stato favorevole. Tuttavia ora abbiamo un’insufficienza di umidità che potrebbe essere sfavorevole per lo sviluppo e la crescita dei pulcini. Circa il successo riproduttivo per ora un giudizio sarebbe prematuro, dobbiamo vedere come evolverà l’estate. Bisogna che piova.
Con i migliori saluti
Sergey

Aggiungo qui un commento e alcune notizie aggiuntive trasmessemi al riguardo dall’amico Philippe Vignac

Per questa regione la croule sembra stata corretta; è una buona notizia se sarà confermate da altre. Vista la vasta superficie della Russia e l’estensione dei territori riproduttivi è sempre difficile farsi un’idea corretta sulla qualità della riproduzione . Per questa ragione io seguo il meteo ogni 5 giorni in questo importante periodo su 39 siti ove le beccacce radioequipaggiate sono andate a riprodursi dopo il 2012: 19 siti in Russia, 20 in altri Paesi di nidificazione.

In Russia la tendenza evidenzia una mancanza di umidità, ma certe regioni mostrano tempo fresco e anche con piogge.

Per il momento a mio avviso la qualità della riproduzione è piuttosto corretta e staremo a vedere come proseguirà:

Grazie per le informazioni e a presto
Philippe Vignac

Un altro amico beccacciaio (Ernesto Moro) mi ha scritto, allarmato, di allagamenti nella Siberia meridionale uditi alla televisione, chiedendomi se potrebbero aver danneggiato i nidi…Per ora la notizia è vaga potrebbe riguardare regioni asiatiche donde le beccacce non giungono da noi….

Previous

PER NOI CHE SENTIAMO QUESTO IMPULSO IRREFRENABILE……….di Lucio Scaramuzza

Next

EMOZIONI DIPINTE La Whitakeri… e il mal di pancia

1 Comment

  1. Silvano Mattedi

    Concordo con Vignac. Più in generale pochi dati e poca attività scientifica trasversale sulla beccaccia, specialmente in Italia, salvo corsi professionalmente discutibili e raccolta ali con poche luci e molte ombre strutturali e statistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi