CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

“Pronti a strambare? Strambo!” di Alberto Pellegrini neo Presidente del Club della Beccaccia – Italia

11215188_1658487671051126_6457524159402027588_n

Il cambio di equipaggio del Club della beccaccia italiano, è avvenuto ad andatura sostenuta, in pieno mare , con vento sostenuto di poppa e in prossimità di una boa ove strambare precisi verso un ennesimo bersaglio da avvicinare e superare. Un buon vento che ha accompagnato tutta la non facile manovra. Voglio dire che il nostro club andava a gonfie vele e continua a muoversi nel mare della nostra passione con il suo nuovo equipaggio di cui il timoniere,  se non affiancato da affidabili prodieri di prua e di randa, se non attento al consiglio di un buon tattico e di un fidato stratega, non andrebbe lontano. Sbagliare una manovra, una scelta strategica o la scelta di una vela, può  comportare la delusione di chi ci osserva o il sorpasso da parte di altre barche. Una barca a vela cambiando equipaggio cambia tutta: e questa volta la ciurma non è più tutta la stessa.

A volte, nella nostra storia, il Club (la nostra cara barca) è andato oltre l’orizzonte in cerca di isole lontane misteriose e sconosciute: ci voleva coraggio, fiducia in sé e come al solito tanta passione nel cuore. Molti ci davano dei matti, e lo eravamo e lo siamo ancora (precursori di Steve Jobs si direbbe oggi quando diceva : Don’t settle.  Stay hungry. Stay foolish.(…non accontentatevi. Siate affamati. Siate pazzi.).

Poi vedendo i nostri fatti, i dubbiosi hanno dovuto riconoscere i risultati.  Non parlo solo della formativa avventurosa e articolata idea concretizzata nel Santuario della beccaccia dell’isola di Vormsi, ma solo a titolo di esempio dell’idea dei monitoraggi  dei parchi con il cane da ferma e parlo del Trofeo Gramignani che, anche all’estero, sta arrivando alla fama del Saladini Pilastri che per anni era stato solo nell’aiutare il cinegeta a scegliere un cane di riferimento per rinsanguare i suoi buoni umili onesti amati quadrupedi.

Immaginiamo il campo di movimento del nostro  club (barca) visto dall’alto: ha avuto un suo percorso fino ad oggi, con varie svolte alle sue spalle e con risultati nella stiva, coppe e medaglie, ma dove andrà ora? Di scelte ne ha 2: o far contento facilmente il pubblico che lo osserva (“…panem et circenses” di Giovenale), o scegliere l’ affascinante percorso della cultura e della formazione  nostra e di chi, giovane, vorrà saltare sulla barca.  E la scelta è fatta.

Che cosa ci fa muovere in solitudine felici al mattino presto, dietro il cane per ore di fatica? Una passione semplice, profonda,insopprimibile che vorremmo mantenere e perpetuare ai giovani che verranno. Dobbiamo augurarci che vi si dedichino ancora a questa nobile arte, per generazioni, attingendo da essa l’infinito rosario di insegnamenti di vita che essa ci consente. Migliorando sempre ed evitando i nostri errori, augurando a questi giovani di essere entusiasti e felici come noi soli nel bosco.

Nobile arte non per tutti e non per sport.

Alberto Pellegrini                                                     

                                            

Previous

“L’esperienza del 1956” chiacchierata tra David Stocchi e Marcello Martino

Next

I giovani, la caccia e la cinofilia, qualcosa da prendere a cuore…….complimenti Meo Cavaglià

1 Comment

  1. mario ambrosoli

    COMPLIMENTI ALBERTO , SCUSA “PRESIDENTE”.

    BUONA NAVIGAZIONE

    MARIO AMBROSOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi