CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

“SPINONI E BECCACCE O VICEVERSA” di Mario Di Pinto

 

A caccia con lo Spinone

A caccia con lo Spinone

Sono più di 30 anni che seleziono ed  uso questa splendida razza, che nel suo decorso storico ha vissuto momenti difficili, indirizzi selettivi sbagliati, tesi a valorizzare più il soma che le qualità venatorie e morali, taglie spesso giganti e molti soggetti linfatici hanno fatto allontanare i cacciatori da una razza che per la sua rusticità e resistenza al lavoro fu definita “cane da Sardegna”. Meno male che un manipolo di appassionati e fior di cacciatori ha sempre sostenuto ed allevato lo spinone che piace a noi, quello tosto di media taglia, atletico e con molte fasi di galoppo, tipico e deciso nelle risalite verso il selvatico.

Fermatore sicuro e cauto nella guidata, riportatore e recuperatore per eccellenza, capace di cacciare per più giorni senza mai mollare o spedarsi, con questi cani ho sempre cacciato la nostra amata e troppo perseguitata regina nei boschi del meridione, dalle faggete del Cilento ai marrucheti del Materano ho passato anni indimenticabili con cani che di questa caccia mi hanno insegnato tutto e tutto gli devo, soprattutto la mia esperienza come giudice di prove. Ho avuto la fortuna di possedere e posseggo tutt’ora soggetti che per rendimento venatorio non sono mai stati secondi a nessun cane di altra razza, altrimenti avrei cambiato sicuramente non sono un fanatico dei numeri ma le mie beccacce le voglio trovare e pretendo un cane che non le maltratti anzi mi faccia vivere quei magici momenti che tutti gli appassionati di questa caccia ben conoscono.       

Luna con Mario Di Pinto

Luna con Mario Di Pinto

La carrozzeria dello spinone, la sua rusticità e resistenza nelle caccie specialmente in quelle invernali in ambienti oltremodo difficili, la sua capacità di negoziare il selvatico in ogni modo, quello classico testa al vento (quando c’è) e quello di seguire sull’orma la più scorbutica delle regine, lo rende un ausiliare molto adatto a questa tipologia di caccia, ma senza l’animus venandi ed un corredo di  eccellenti qualità naturali tutto diventa inutile, per questa ragione chi si avvicina a questa razza deve avere le idee ben chiare e sapere dove mettere le mani, ma questo e’ un discorso che vale per tutte le razze, il solco che si e’ scavato  tra cane da prove e cane da caccia nel corso degli anni non ha toccato la nostra razza e con un ottimo spinone si può il mercoledì andare a beccacce ed il sabato partecipare ad una prova, a dimostrazione della ripresa della razza e’ la sempre costante richiesta di cuccioli che non sempre si riesce ad evadere anche perché le migliori fattrici sono in mano agli utilizzatori che le usano a caccia, trascurando ed io sono il primo di farle partorire. Lo spinone come il bracco e’ patrimonio nazionale, da curare e non disperdere, ma la sua miglior difesa e’ la selezione tesa a farne un gran cane da caccia.

Previous

“L’ultima volta” di Tiberio Specchioli

Next

COSTUMI DELLA BECCACCIA E SUOI GRANDI VIAGGI MIGRATORI

7 Comments

  1. Caro Mario, sono molto d’accordo su ciò che hai scritto ,anche e soprattutto perché ,io che non sono mai stato una spinonista,avendo avuto la fortuna di vedere molto da vicino alcuni tuoi soggetti sono rimasto assolutamente stupito.
    Ho visto soggetti che sono passati dalle cotorne ai beccaccini ,con una naturalezza ed una spontaneita che ho visto in pochissimi cani, ho visto tuoi soggetti toccare l’accellenza a galli e a cedroni superando i “miei amati setter”,e tu sai di che fior di setter sto parlando.
    Gli spinoni che “mi hai fatto vedere”, sono davvero lontani da quei cagnoni grandi ed inutili(tu sai che io parlo solo in funzione della caccia) che avevano portato questa razza verso un destino purtroppo fatale. Grazie a te e a quelli come te che avete recuperato questa “gloria italiana” se oggi, i cacciatori in tutto il mondo possono disporre anche di una razza italiana per andare seriamente a caccia ,penso che anche questo sia un modo intelligente per promuovere il MADE in ITALY .

  2. Buongiorno,
    sono sempre stato affascinato da tale razza, fu la prima ad entrare in casa mia, perche’ il babbo aveva un amico cacciatore proprietario di spinoni eccezionali originario del cilento e guarda a caso amante della solita….ma io leva 63 sognavo solamente cosa fosse questo uccello cosi prezioso. Credo pochi perseguivano all’epoca tale tipo di selvatico. Sono cresciuto all’ombra del setter e devo dire con alterne fortune, anche se’ qualche cane mi e’ capitato…ma quanto scarto. vista l’ennesima delusione dell’ultimo soggetto portato a tre anni con impegno e solo praticando la caccia in bosco alla beccaccia oggi con 32 licenze mi trovo a riflettere, da lei vorrei solo un consiglio dettato dalla sua esperienza, avrei bisogno di un cucciolo o cucciolone che abbia le tanto decantate attitudini dei suoi, Intelligenza,passione,fondo, ma dove attingere per un soggetto tale? Sto’facendo ricerca ed una idea personale credo di averla maturata, rivolgermi al sig. Torniai sempre che’ lei pensi sia una buona scelta e se’ lei non ha da propormi altre soluzioni. Confido in una sua risposta certo della bonta’ dei suoi consigli come E.Giudice ma ancorpiu’ cacciatore. Saluti Fabio Marzorati

  3. Desidero avere uno spinone per beccacce iniziato bene o un provessore grazie.

  4. Roberto D'Amico

    Ho avuto la fortuna di cacciare due giorni coturnici con l’amico Raffaele Pozzi ed i suoi spinoni Cometa e Lollo. Sono rimasto impressionato dalla resistenza, presa di terreno, avidità, modo di trattare il selvatico di questi soggetti, sciolti uno alla volta. Mai avrei pensato che questi canni potessero cacciare dalla mattina sino a buio, senza mai mollare. Vedere poi azioni corrette, guidate per centinaia di metri senza mai forzare il selvatico, mi ha entusiasmato e non poco. Ho visto due grandi soggetti. Grazie per l’occasione. 15 dicembre 2017

  5. Roberto D'Amico

    Dimenticavo abbiamo cacciato in Croazia. In bocca al lupo a tutti. Roberto

  6. Nicola Turatta

    Egregio Di Pinto,
    Caccio da sempre con i setter solo beccacce e coturnici in Italia ed in Croazia.
    Devo dire per onestà che non mi pento della scelta di razza ma già da anni qualcosa in me sta cambiando.
    Sento il bisogno di approcciare la caccia in modo diverso, vorrei provare un altra razza e lo spinone rappresenta ciò che vorrei.
    Mio Papà ne aveva uno ed io da piccolo ci giocavo sarò un nostalgico ma lo spinone per me è più di un cane da caccia è una filosofia di caccia ed ora sono maturato come cacciatore e pronto per provarci..
    Se ha disponibilità di un cucciolo femmina La prego di contattarmi.
    Grazie
    N.Turatta

  7. TOMMASO OSTONE

    Gradirei essere contattato se c’è possibilità di avere un soggetto giovane da rifinire , ho 52 licenze sulle spalle non sono un neofita, la maggior parte condivise con spinoni a beccacce quando negli anni 70 eravamo pochissimi appassionati a percorrere
    i boschi dell’appennino laziale,tutti bianco arancio, purtroppo sono dovuto passare al setter perché ho perduto la mia corrente di sangue a seguito di avvelenamento multiplo, tre femmine in una battuta di caccia e non ho più trovato elementi cacciatori ma solo cagnoni apatici ed inservibili, ma la mia passione restano solo loro, un ricordo???? spero di no, da come leggo dovremmo essere sulla strada giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi