CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

Tag: Letteratura venatoria Page 1 of 19

A Regine con il Re-di Silvio Intiso-

Ferme ricordo (41)..Beep…beep…beep…
Il suono remoto e lontano ci arrivava con le folate del vento che quel giorno sembravan rincorrersi nei boschi di Os, scompigliando i fiocchi di neve come in quella palla di vetro che amavo tanto agitar da bambino.

-Da che parte, Marco?-

Il Marco, le cui orecchie funzionano meglio delle mie ormai offese da troppe fucilate, era diventato, a giusta ragione, il navigatore ufficiale dei nostri pellegrinaggi norvegesi sulla scia del Re e delle sue regine.

-Aspetta, stai fermo!-

Read More

I CUCCIOLI OGGI SONO PRONTA CACCIA DI Enrico Fenoaltea

Basco (della Trabaltana) di G. Bravaccini a 45 gg

Basco (della Trabaltana) di G. Bravaccini a 45 gg

E’ diffusa tra i cacciatori l’opinione che la bravura di un cane da ferma dipenda soprattutto dalla dotazione genetica e dalle sue esperienze di caccia pratica.

Anticipando le conclusioni di queste note io penso che in questi ultimi decenni, a seguito di un’accorta pressione selettiva sulla dotazione genetica, il rapporto del cane da caccia con il padrone-cacciatore sia divenuto un coefficiente di grande importanza (che si aggiunge a quelli tradizionali) per la bravura del cane adulto.

Read More

PROVE AUTUNNALI A NIS : L’ALTRA FACCIA DELLA GRANDE CERCA ! ? di Giuseppe Coti Zelati

RICO DEI DIPINTI

RICO DEI DIPINTI

Sicuramente due facce la G.C. le presenta. Una è quella primaverile, su coppie. L’altra, autunnale, alla ricerca dei branchi. Le prime, field di primavera, possono lasciar adito ad interpretazioni diverse circa il pretendere un lavoro più o meno regolare e di minor o maggior profondità e ti può capitare di veder messo alla porta un soggetto per una coppia magari lasciata indisturbata ad amoreggiare nell’angolino intimo. Viceversa troviamo chi di una coppia lasciata se ne frega a patto di trovarsi al cospetto del coraggio che la grande cerca impone.

Read More

LA GIORNATA “QUASI” PERFETTA di Mirco Peli -Pubblicato sul III volume di Antologia-

La fase riproduttiva sembra essere stata ottima, le nidiate sono cresciute senza grosse perdite e con i censimenti di agosto e settembre ci siamo caricati come molle. Il cane è valido e ci soddisfa, e decidere dove iniziare la stagione venatoria è solo una questione di gusti personali: il mio primo compagno di caccia Nello, nostalgico coturnat, non resiste a quella che è stata la passione di una vita intera. Solo la nebbia rischia di rovinarci la giornata, ma all’apertura siamo più forti anche della natura. Giornata ottima, per quest’anno con le coturnici la nostra quota è fatta. Bisogna ricordarsi sempre di non esagerare.

Read More

L’istinto, il sesto senso- la forza e la volontà – di Mirco Peli-

Archivio (170)

Astro che a fermo abbaia alla tabella di confine

Come si spiega la capacità del cane di trovare la strada di casa anche a molti chilometri di distanza? Fatto questo abbastanza comune nel passato quando i cani vivevano liberi nei paesi,  è forse la stessa capacità che usa per trovare la selvaggina e che noi cacciatori chiamiamo senso del selvatico? Quando ero ragazzetto, guardavo come tanti ragazzi dei tempi, torna a casa Lessi, e la cosa che più mi è rimasta impressa è proprio la capacità dei cani di ritrovare la strada di casa anche a centinaia di chilometri. Questa capacità esiste ancora? Sempre più spesso mi capita di leggere biglietti affissi nei luoghi più strani smarrito cane, segue descrizione e numero di telefono. Il traffico, la vita non più libera dei cani moderni ha fatto perdere questa capacità? Personalmente credo che fra i cani che ancora hanno la possibilità di stare tanto tempo in libertà o a caccia ci sia ancora. Voglio raccontare alcuni fatti che ho vissuto di persona, che stanno a dimostrare le caratteristiche elencate nel titolo.

Read More

LE BECCACCE SONO SEMPRE BECCACCE PURE ALL’ESTERO, SI MA E’ IL CACCIATORE CHE E’ DIVERSO di Mirco Peli

img_4786

Personalmente non ho mai sentito l’attrazione verso l’estero, perché le mie montagne mi hanno sempre dato modo di divertirmi, offrendo sorprese sempre nuove. Quindi perché guardare altrove? I cacciatori che vanno all’estero spesso per motivare la loro scelta sostengono che le beccacce sono sempre beccacce pure all’estero. Sì, su questo concordo ma sono i cacciatori che vanno all’estero che hanno una diversa concezione della Caccia.  Mi spiego e per farla breve raggruppo in tre categorie i cacciatori che vanno all’estero, poi esistono altre varianti ma riguardano casi specifici.

Read More

A beccacce con cani a grande cerca –di Mirco Peli–

Jack il tipico setter da beccacce a grande cerca, cugino di Paiper e Peirò

Da anni si discute se a cacciare beccacce è meglio usare un cane a grande cerca o a raggio ristretto. Certo quando le beccacce erano numerose e si usava solo il campano gestire un cane a grande cerca era un impresa, erano più le arrabbiature che le soddisfazioni. L’avvento della tecnologia, introdotta peraltro in concomitanza della diminuzione della beccacce, e che in parte ne è la causa, ha cambiato il modo di cacciare e il cane che batte molto territorio è diventato quasi indispensabile per chi caccia in terreno libero in Italia. Io le soddisfazioni più grandi le ho avute da cani a grande cerca, anzi con un potenziale trialer, cacciare beccacce con un simile cane è caccia dura, ma è caccia vera.

Read More

COMPLICI DELL’ALLIEVO A cura di Rodolfo Grassi “I cani che cercano più da lontano diventano i migliori” Laverack

Archivio (179)

Astro di Mirco Peli 1999

“Costruire” l’educazione di un cane significa creare un grande mosaico a cui si aggiungono tessere giorno dopo giorno avendo ben chiaro il risultato finale di ottenere un grande cane.

Andatura – Attenzione però a non cadere nell’errore di trascurare come l’allievo reperisce il selvatico, cioè in che modo esegue la cerca. L’andatura infatti ha un’importanza fondamentale e il cane deve subito capire di doverla necessariamente adeguare al terreno ed alle proprie forze. Ed è questo un segno d’intelligenza. Occorre favorire il galoppo come standard impone.

Read More

LO STILE DEL SETTER di M.Cervone D’Urso

Primo e Lares di Mirco Peli su beccaccia svernante

Primo e Lares foto di Mirco Peli su beccaccia svernante

                G. Markman, nel  volume The Country Farm, del l621, scrivendo dell’addestramento dei cani da caccia, afferma che: “Non erano soltanto gli spaniels ad essere considerati “setting –dogs”, o cani da rete!  Lo stesso autore, infatti, dopo aver affermato  di utilizzare il suo cane d’acqua per il fucile ed  il  suo setting-dog per la rete, sottolinea  che cani di qualsiasi razza, se educati al “setting “ e dotati di ottimo naso e naturalmente portati a cacciare gli uccelli,  possono essere considerati “setting dogs”, cioe`  “ cani da ferma“  per la rete,  benché sia piu` facile per un  Land Spaniel risultare  il migliore! 

Read More

Omertà venatoria di Francesco Materasso L’omertà è il silenzio della paura.

Francesco Materasso e Corona

Chi tace evita noie e inconvenienti che invece capitano a chi non tace. Non sono d’accordo e non condivido tutti i proverbi a riguardo, tipo “il silenzio è d’oro”, “in bocca chiusa non entran mosche” o “il silenzio è la risposta dei saggi”, perché gli attribuiscono il valore della saggezza. Lo stolto che tace è forse un saggio? No. È scemo, così come tutti coloro che tacciono.

Read More

Page 1 of 19

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi