Il territorio della Sardegna è popolato da numerose specie e sottospecie endemiche che arricchiscono il suo patrimonio faunistico; questo interessa in particolare l’avifauna che presenta delle peculiarità dovute alla presenza di specie mediterranee altamente specializzate. I fattori che, nel corso del tempo, hanno portato a questa situazione sono legati soprattutto alla storia geologica dell’isola che ne ha determinato l’isolamento da resto del continente; a questo si aggiunge, inoltre, il clima particolare che la caratterizza. Tuttavia a causa dell’azione diretta dell’uomo, che si esercita soprattutto sulle specie oggetto di caccia, e dell’azione indiretta che, non presupponendo alcuna selezione, colpisce indistintamente specie rare e specie comuni, l’avifauna rischia di subire una pericolosa involuzione che proprio a causa di questo isolamento potrebbe divenire irreversibile. Purtroppo questo processo si calcola stia interessando il 12% delle specie di uccelli su scala mondiale e il 27% delle specie di galliformi a rischio di estinzione; inoltre anche i due terzi delle specie non in pericolo risultano in declino (Rands, 1992, Potts & Aebischer, 1995, UNEP-WCMC, 2000).  Tra le specie interessate da questo fenomeno ci sono anche quelle appartenenti al genere Alectoris che in Italia è presente con tre specie a distribuzione allopatrica: la pernice sarda (Alectoris barbara), presente solamente in Sardegna, la pernice rossa (Alectoris rufa), distribuita sull’Appennino settentrionale e in alcune zone dell’Italia centrale, e la coturnice (Alectoris graeca) che occupa l’arco alpino (A. g. saxatilis), l’Italia centrale e meridionale (A. g. greca) e la Sicilia (A. g. withakeri). Studi recenti hanno svolto una revisione dello stato delle popolazioni delle tre specie a livello europeo evidenziando come la pernice sarda e la coturnice abbiano un’importanza sovra nazionale a livello di conservazione in quanto le popolazioni italiane rappresentano rispettivamente il 98% e il 36% di quelle europee, e come per la conservazione della pernice rossa l’Italia abbia una scarsa importanza ospitando solamente lo 0,1% della popolazione europea. Per continuare a leggere l’articolo clicca sul link

Biologia e dinamica della pernice sarda