CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

La caccia non ha un merito sociale di Francesco Materasso

10250240_1474644642798649_5339342382386711466_nPoco dopo l’inizio del decennio in corso quasi tutti, dirigenti venatori, cacciatori e agricoltori e quanti ruotano attorno al settore caccia per interessi vari, sostennero che la caccia poteva avere un merito nel sociale. In concreto esiste una connessione tra le ragioni della caccia e gli interessi generali della società. Qualcuno dei soggetti su elencati sunteggi, per cortesia, gli sforzi culturali e organizzativi mirati a tale scopo.Di fronte ad una becera cultura ambientalista, qual è stato il punto di forza dell’associazionismo e dell’editorialismo venatorio? Io scrivo e sostengo, nessuno! Si è pensato solo alla solita conflittualità che di rimando ha allargato i punti di divergenza, anziché ravvicinarli. Questo succede perché tra le parti cointeressate manca la capacità della comunicazione e del confronto. Anzi si sta acuendo la cultura dello scontro, che non serve a nessuno, che non porta da nessuna parte. Così come non porta a nulla il mercinomio delle tessere.

Anche gli insulti rivolti alla Brambilla, non servono a nulla.

Alla nostra società, che comprende, bisogna spiegare la complessità dell’impegno riformatore e il tentativo di rispondere, anche attraverso l’attività del cacciatore, all’esigenza di un ambiente migliore, riformato e ben governato.

Urge inculcare che il cacciatore (quello vero) si è trasformato da predatore di risorse faunistiche a produttore di ambiente per la fauna. Se no, nisba. Saremo sempre invisi, impopolari e ammantati di crudeltà.

In alcune regioni si sono registrati risultati apprezzabili, in altre si è ritardato, in altre ancora, per citare un fatto del tutto vomitevole si continua solo a ripopolare il territorio con selvaggina “pronta caccia”, non facendo nulla per favorire la riproduzione spontanea.

Di questo passo, la caccia morirà.

Previous

Quando la caccia è chiusa, uscire con i cani da ferma è una necessità – di Francesco Materasso.

Next

CANE DA FERMA: LA CERCA INCROCIATA di Claudio R. Barba tratto da Caccia Oggi

1 Comment

  1. Domenico Rossi

    In questi ultimi vent’anni i cacciatori son stati martellati ingiustamente da molte associazioni ignoranti, e ve ne spiego i motivi: Sono spariti o drasticamente diminuite molte razze di uccelli che che l’uomo non ah mai sparato, vedi il pettirosso, le rondini, i passeri e tanti altri. Come possono spiegarlo tali imbonitori di menzogne? Scaricano tutto sui cacciatori x nascondere i veri problemi dell’inquinamento creato dalle industrie e dai depuratori che non funzionano correntemente.
    Pensate solamente alle polveri sottili che ingeriamo giornalmente,ogni pneumatico di una semplice autovettura perde in media ( da nuovo alla sostituzione) 1/2 Kg. di gomma, fate un piccolo calcolo,quanta gomma circola o depositata sulla superficie con tutto il movimento di autotreni e vetture che circolano giornalmente. In ultima la storia dei pallini in piombo che sono velenosi,…ci sono persone che si portano decine di pallini conficcati nel proprio corpo da oltre vent’anni e grazie all’ossido naturale che gli avvolge non creano nessuna infiammazione o altri disturbi. Ma in tanti gli vogliono sostituire con pallini d’acciaio ma nessuno parla delle pentole in acciaio 18/8 che normalmente vengono adoperate in tutti i ristoranti e famiglie, quando si esegue la pulizia e si stacca l’ossido dove finisce? MI dispiace dover riscontrare che le informazioni che riceviamo giornalmente la maggioranza sono false o poco corrette, in primi s le case farmaceutiche e poi tutti gli interessi economici dai prodotti per l’agricoltura e al sostegno di tanti burattini appartenenti a varie associazioni politiche che ci continuano a martellarci a proprio piacere. I miei migliori auguri miei cari simili e a Vs. disposizione x qualsiasi chiarimento in merito. saluti d.r.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi