CACCIATORI DI MONTAGNA, DI BECCACCE E BECCACCINI

Il più felice non è assolutamente chi ammazza di più ne tantomeno chi trova di più e neanche chi ha i cani migliori, il più felice è semplicemente colui che trae il maggior godimento e divertimento nel trascorrere il tempo nel bosco o in montagna dietro la coda del proprio cane inseguendo le prede desiderate…….."magari in solitaria nel più alto rispetto di chi e di cosa lo circonda"

MEGLIO LA CACCIA di Roberto Baggio Calciatore

Nuovo documento 4LA CACCIA E’ UNA BELLA COSA. Permette di stare a contatto per ore con la natura. Permette di capirla, scoprirla, amarla. Distende anche i nervi e rende facili le decisioni. Se non ci fosse bisognerebbe inventarla. Ma in fondo l’uomo è nato per pescare, cacciare, accendere il fuoco e fare altre cose. Nella mia famiglia siamo tutti cacciatori cosiddetti incalliti. Non per fare carniere, ma per andare in giro a contatto con la natura. Quando si può si va.


I cacciatori, poi, sono degli amici, dei puri della natura. Sono sempre esistiti, ma mai come assassini o sanguinari. E andare a caccia non significa fare strage. Il problema è che la caccia ha bisogno di essere regolamentata, magari con ancora più severità nelle norme. C’è bisogno forse di una cultura diversa, che si fonda con l’ambiente. Insomma, un cacciatore può e deve essere persona capace di civiltà.

Andare in mezzo alla natura con un fucile in mano non significa il contrario di quello che, per esempio, sono io: uno che si diverte, che non si preoccupa se non spara un colpo, che respira lontano dallo stress di ogni giorno pur essendo un atleta. Ci si rigenera nel fisico, nel morale, si impara a rispettare tutto quello che ci circonda fuori casa. I vantaggi sarebbero, penso, maggiori se io fossi un impiegato o uno che lavora in un altoforno o in una catena di montaggio.

La caccia è uno sport e come tale tiene lontani gli individui da altre tentazioni più assassine, più inquinanti, meno civili di quello che possono sembrare. La caccia è… si assassina, ma dell’ozio.

Previous

“UN ANNO MAGICO” di Fabrizio Baloci

Next

“Ricordo di Gino Botto” di Silvio Spanò

1 Comment

  1. Walter

    Salve a tutti io sono un amante del bosco, rispetto tutte le forme di caccia, sempre nel rispetto della natura e delle normative vigenti, ma la mia passione è solo per la
    la “REGINA DEL BOSCO”. Le Parole del nostro amico cacciatore sono sagge , prima da uomo e a pari merito come persona amante della natura. La caccia in se stessa è ,che che ne dicano i Signori che ne parlano male o che no la conoscono , tutt’altro che sparare e uccidere, ma che glielo spighiamo a fare, vedi cos’è successo a Brescia ultimamente. Speriamo che finisca innanzitutto questa catastrofe Mondiale, e Auguro a tutti i cacciatori del Mondo, in particolare al mio Idolo e amico Hunter Roberto , una serena e lunga attività agonistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Welcome!

Alcune foto e articoli presenti su www.setterfoto.com ora cacciatori di montagna e di beccacce sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo all’ amministratore – astroepier@gmail.com – che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi